CONDIVIDI

BLESSESD BY A BROKEN HEART

Feel The Power

Tooth & Nail/Rude Records - 2012

 

“Cari e amatissimi eighties...perché no?! Cominciare la recensione come una lettera e magari scritta attraverso le note del terzo lavoro targato Blessed By A Broken Heart, la band canadese nata nel 2003 e che nel corso di questi anni ha vissuto un'interessante evoluzione musicale dovuta sia ai cambiamenti di line-up che a una progressione stilistica passando così, dal puro metalcore di “All Is Fair In Love And War” e “Pedal To The Metal”, a un pregevole mix tra metal e hard rock anni 80.

Il validissimo quintetto dei cavalieri di Montreal è composto dall'istrionico lead vocalist Tony Gambino, seguono i due guitar man Sean Michael Maier e Sam “Ryder” Robinson, il bass player Tyler Hoare e il drummer Ian “Slater” Evans pronti a suonare le 12 tracce dell'altrettanto valido “Feel The Power”, uscito per Tooth & Nail/Rude Records. Apre “l'eighties show” la carica crescente di “Deathwish” ben accompagnata dal prezioso supporto cori-keys a meglio definire la longevità del genere e l'intero percorso dell'album, senza dimenticare le tinte metal suggellate in special modo dalle parti in growl style del frontman e dall'accoppiata Maier-Robinson. Inno dedicato ai fedelissimi rockers con l'energica “Shut Up And Rock!” per un finale da autentico cardiopalma e proseguendo a gogo con l'ottima “Love Nightmare”, pochi secondi di piano per poi sfociare in un sound che omaggia una strofa trascinante e un refrain da standing ovation, a parere personale fra le tracce più belle del cd assieme all'avvincente singolo e special video “Forever” per un cuore (quello del sottoscritto), che batte sempre più Blessed Rock.

Preceduta dal brevissimo intro di “Thunder Dome” parte a razzo “Holdin' Back For Nothin'”, un missile a colpo sicuro e che rallenta poco a poco per lasciare spazio alla slow “I've Got You”, una ballad a tinte catchy e con finale a sorpresa svelato da un solo in grinta style. Tocchi di frizzante orecchiabilità in “Rockin' All Night”, volo brillante e leggero per poi atterrare a tutta “Scream It Like You Mean It”, 3 minuti e mezzo di un percorso davvero coinvolgente e non è tutto! All'arrivo ci aspetta un altro spettacolo di raffinato metal/rock offerto da “Skate Or Die”. Con la dirompente dinamicità di “Innocent Blood” e l'atmosfera rock passion di “Sleepless Nights”, incorniciate anch'esse da ineccepibili soli finali, si chiude un album di indubbia personalità e che rappresenta per Gambino e compagni un nuovo punto di partenza forte e vincente. Una band che pur avendo già vissuto tour indimenticabili affiancando inoltre mostri sacri del calibro di Judas Priest, Megadeth, Steel Phanter e altri, con “Feel The Power” ha il passepartout assicurato per altri memorabili viaggi a 7 note e per lasciare l'inconfondibile segno “BBABH”, indelebilmente Blessed By A Broken Heart. Sito web: www.blessed.mu

 

Recensione di Francesco Cacciatore