CONDIVIDI

INTERVISTA CON IL CHITARRISTA ADRIAN MAUDE

AngelDevil: Ciao Adrian come va la vita al momento?

Adrian: Direi che  è davvero un periodo emozionante, penso che la band è d’accordo.

 

AngelDevil: Come è nata la band? Parlami anche brevemente dei ragazzi che suonano nella band.

Adrian: Billy e Joe hanno suonato con un sacco di altre band prima che il fato li unisse per formare i Divide nel 2001, anche se la band all’epoca aveva un altro nome. Loro sono rimasti il cuore della band, mentre altri musicisti entravano ed uscivano dal gruppo fino a che la line up si è stabilizzata ed eccoci qui.
Joe è il cantante e scrive i testi, Billy suona il basso con le sue mani, arte ormai dimenticata. Brian suona la batteria, molto bene se confrontato con la media. Io e Adam suoniamo le due chitarre.

AngelDevil: La nuova canzone intitolata “Looking for trouble” su myspace ha dei suoni davvero cool!! Mi piace un sacco la vostra musica. State lavorando al nuovo album giusto? Mi vuoi parlare un po’ delle nuove canzoni?
Adrian: Siamo molto emozionati riguardo a “Looking for trouble”. Diciamo che racchiude bene la band per quanto riguarda il sound e l’energia e i temi dei testi. Abbiamo cercato di fare una party song che fosse anche un inno. Una di quelle canzoni che ascolti prima di uscire la sera per andare in qualche locale in città o a qualche partita di hockey tipo. Insomma una canzone da ascoltare prima di tutte quelle situazioni per le quali vuoi caricarti.
Le nuove canzoni hanno un messaggio più diretto, nel senso che le ascolti e capisci esattamente il senso, c’è più una trama da seguire, il che è più interessante. La musica è nello stile del nostro ultimo progetto,
"Deadly Like The Snake." Vintage un po’ cowboy vecchio stile, da motocicletta/bar malfamato, molto western, con i riff pesanti e sporchi. Abbiamo lavorato con Mark Needham, che è un uomo con una storia lavorativa grandiosa (andate a vedere con chi ha lavorato), e con Jeff Johnson e entrambi ci hanno aiutato a incanalare la nostra energia e le idee verso un sound più focalizzato. E’ stata una nuova esperienza questa di avere qualcuno che ci guidasse durante la composizione dei pezzi e devo dire che ha funzionato bene!

AngelDevil: Quando dove realizzare un nuovo pezzo, come vede la luce? Chi si occupa maggiormente di songwriting e chi ha più spesso le idee?
Adrian: Il processo è lungo. Il primo passo è un’idea molto piccola che ti viene, mentre pulisci la tua stanza, oppure mentre guido verso il ristorante Jack in the Box, oppure mentre non dormi di notte. A questo punto ti siedi nella tua stanza e giochi un po’ con l’idea che hai avuto fino a diventare talmente frustrato da arrivare alla pazzia, oppure l’idea si sviluppa così velocemente che inizi a preoccuparti di averla inconsciamente rubata a qualche altra band, ma non è così. Questo procedimento è accompagnato dal pensiero “Ma è fantastico, come è possibile che nessuno ci abbia pensato prima“. Queste idee di solito diventano le canzoni migliori. Le altre…mica tanto. Poi pensi alle altre parti. Quando hai unito tutte le parti in un solo pezzo, lo mostri alla band. Dicono che va bene, e tu sei triste. Joe mette le voci. Diventa meglio. La band lavora sulle parti, aggiunge cose che sono buone, tira via altre che non sono così buone, ti dice che in fondo il tuo assolo è troppo lungo, ma solo perché non sanno cos’è un buon assolo, riorganizza certe parti…insomma la plasmiamo fino a che la canzone non diventa terreno comune e piace a tutti. Alla fine tutti contribuiscono, in modo diverso, alla stesura e alla composizione della canzone.

AngelDevil: Come definireste il vostro sound e quali sono le vostre fonti di ispirazione?

Adrian: Non è molto difficile definirlo probabilmente, ma questa domanda normalmente ci fa grattare il capo e ci sono un sacco di “mm …”. Per essere il più semplici possibili è un mix della fermezza e del carattere delle nostre band preferite. Noi ascoltiamo una vastità di musica molto ampio, ma le band che davvero ci influenzano sono i classici AC/DC, Aerosmith, Stone Temple Pilots, Iron faide, Guns N Roses, Prince, Motley Crue, Led Zepplin, eccetera.  Quindi a dirla tutta noi guardiamo direttamente a questa tradizione rock.

AngelDevil: Come è andato secondo voi “Pretty girls with ugly boys”? Quanto il nuovo album sarà diverso dal precedente e quali canzoni vi rappresentano di più?

Adrian: Pretty girls… è stato un punto cruciale della carriera dei Divide perché ci ha aiutato a creare la nostra fan base. Quelle erano canzoni che le persone conoscevano e volevano ascoltare, e questo continua ad accadere. Alcuni di noi, io Adam e Brian, non facevamo ancora parte della band, ma ancora quelle canzoni vanno forte e quindi noi cerchiamo di accontentare i fans. E’ difficile dire quali pezzi ci rappresentano di più, ogni album ha un sound diverso. Forse quelle che suoniamo di più dal vivo, sono, anche se potrei sbagliarmi se siano o no le più rappresentative, "El Perro Negro," "Spook, the Horse," e "Blackwater Street."

AngelDevil: Che tipo di feedback ricevete dal vostro pubblico?
Adrian:Per quanto riguarda “Deadly like the snake” direi davvero positivo. Molti non te lo dicono se la tua musica non gli piace e questo gioca a nostro favore. Non abbiamo avuto ancora occasione di presentare il nuovo materiale, ma speriamo nella medesima risposta.

AngelDevil: Come descriveresti i vostri show?
Adrian:E’ la nostra nicchia, ci divertiamo un sacco quando suoniamo e a quanto pare è contagioso: è come una grande festa, tutti si divertono.

AngelDevil: Quando siete in tour che tipo di cose vi piace fare quando avete del tempo libero?
Adrian:Devo essere molto cauto con questa risposta. Ci piace andare fuori se conosciamo qualcuno in città, ci portano fuori in qualche bel posto. Se invece non conosciamo nessuno cerchiamo di rendere il posto in cui siamo un bel posto per uscire e stare insieme, ci piace divertirci. In più dormiamo un sacco. Guardiamo film e giochiamo e andiamo a visitare le città quando possiamo, soprattutto quando siamo in città di interesse storico

AngelDevil: Progetti futuri?

Adrian:Molti e molto grandi. Registrare e far uscire il nuovo album, fare tanti tour magari in tutto il mondo, questa volta. Trovare nuovi fans e farsi nuovi amici e divertirci ovunque andiamo.

AngelDevil:  Cosa ascoltate ultimamente?
Adrian:Brian classic rock, sempre, MC5 e gli Zeppelin sono i suoi preferiti. Billy, per qualche motivo, ama Air supply, li amerà sempre e li ha sempre amati…non penso che Joe ascolti musica…
Io ascolto molte colonne sonore, come L’ultimo dei Moicani che è la mia preferita. Per il resto non saprei

AngelDevil: Come passi il tuo tempo libero?

Adrian:Andando in giro, guardando film, leggo molto. Bevo birra e scrivo canzoni.

AngelDevil:  Grazie per la tua disponibilità, vuoi dire qualcosa ai vostri fans e ai lettori di Rock Rebel Inside?

Adrian:Grazie per averci concesso un po’ del nostro tempo, spero via sia piaciuta l’occhiata che ci avete dato, buona giornata.

 

AngelDevil: Buona fortuna e spero di vedervi presto a Milano…

Adrian:La capitale mondiale della moda!