CONDIVIDI

DUFF MCKAGAN’S LOADED

Giovedì 25 giugno RockPlanet 

 Pinarella di Cervia (RA)

 

Report e foto a cura di MauTheRnrPirate

 

Quando ho saputo qualche mese fa che i Duff McKagan's Loaded avrebbero tenuto un concerto da headliners in un piccolo club, non mi è importato nulla di sobbarcarmi quasi 400 chilometri per andarli a vedere all'ormai collaudatissimo e famosissimo Rock Planet di Pinarella di Cervia.
Prima del concerto la band era tranquillamente in giro a mangiarsi piadine ed era già molto disponibile con i fans. Sono riuscito a trascorrere alcuni minuti col loro bassista Jeff Rouse, che mi ha parlato molto contento del tour che stavano facendo con i Motley Crue  e della loro jam session con Michael Monroe in Finlandia e mi avvisò che quella sera volevano divertirsi e proporre qualcosa che suonavano poco.

Pian piano la gente arriva e viene il momento dell'apertura, scopro che la band scelta per aprire son i validissimi Belladonna che ci regalano 40 minuti di uno show davvero ben riuscito con atmosfere gotiche molto suadenti e con la voce di Luana, sempre all'altezza. Una band che merita tutto il successo riscosso, molto originale e formata da validi strumentisti.
Il locale è praticamente pieno, quando la band di Duff, che in questa sua band suona la chitarra ritmica, attacca con le note aggressive di "Sick"il brano che da il titolo all'ultimo omonimo album della band.Molto precisa nell'esecuzione e sicuramente più compatta a livello di band rispetto all'esibizione, comunque ampiamente positiva, dell'anno scorso al Rock of Ages di Milano, la band alterna brani dall'ultimo album e di quello precedente "Dark days" con diverse chicche rock n'roll.

 

Duff parla diverse volte in italiano e fa notare che nel pubblico son presenti tante belle donne e che rischia ogni volta che si avvicina ai fans delle prime fila che qualcuno gli strappi le note della sua chitarra. Vengono eseguiti anche diversi hits dei Guns N'Roses che fanno impazzire la gente quali"So fine" e "Dust n'bones"che viene cantata da Jeff con Duff .
Molto bella è anche l'esecuzione del classico "New Rose"dei The Damned presente nel cd di covers dei Guns N'Roses "The spaghetti incident?".
La band ha proprio voglia di divertirsi e interagisce con i propri fans producendosi in un clamoroso medley  che ha come base "I wanna be your dog", di classici del rock che vedono alternarsi alle voci anche Michael Squires, chitarrista solista della band che attacca "TNT"degli Ac-dc, del batterista Geoff Reading che attacca "Living after midnight"dei Judas Priest e del bassista Jeff Rouse che intona "Tush "degli ZZTop. I bis comprendono anche un'altra graditissima sorpresa quale "Wild Horses"dei The Rolling Stones e c'è anche da sottolineare il delirio che si scatena prima con "It's so easy "dei Gnr che come riffs iniziali aveva "Welcome to the jungle"e "Paradise city".

Che dire, una band onesta di sano rock n'roll contaminato da punk e influenze alternative in qualche parte che è assolutamente compatta nel suonare e regala sempre ottime prestazioni.

MauTheRnrPirate

 

Pubblicato il 18 luglio 2009