CONDIVIDI

 

Testo a cura di AngelDevil Rock

 

 

Il suo vero nome è William Michael Albert Broad, nasce il 30 novembre 1955 a a Stanmore, sobborgo di Londra, dall'unione tra Michael Albert Broad e Joan Broad.

Billy Idol cresce in una famiglia tranquilla, i suoi genitori, religiosi e praticanti della chiesa, tengono molto all'educazione del figlio, ma, per quanto intelligente possa essere, manca la voglia di stare sui libri.

E' un ragazzino che sogna già il suo futuro nel campo musicale, gli insegnanti gli affibbiano il nomignolo "idle", in altre parole pigro, lui pensa bene di ritrasformare il nomignolo e farsi chiamare "idolo". Nel settembre del 1975 va all'università del Sessex, iniziando i suoi corsi d'inglese e filosofia. Ciò coincide con l'esplosione del punk rock, distraendolo dagli studi, portandolo ad avere sempre più interesse per band come i Sex Pistols. Questo significa lasciare l'università e formare così una band, con la disapprovazione del padre, rendendo Billy Idol sempre più determinato in questo progetto.

Nell'estate del '76 muove i primi passi creando una band, i Rockettes, suonando la chitarra e cantando, sta realizzando il suo sogno. Forma nei mesi successivi i Chelsea, esibendosi in qualche università, per poi arrivare nel 1977 ai Generation X guidati dalla voce e chitarra di Billy Idol, Bob Andrews (chitarra), Tony James (basso) e John Towe (batteria); è il tipico gruppo meteora del primo punk, ma hanno il tempo di pubblicare cinque singoli esplosivi.

Dopo aver inaugurato il Roxy Club di Andy Czezowsky, loro manager, incidono il 45 giri Your Generation (settembre 1977), Wild Youth (1977), coretti e sventagliate di hard-rock. Ready, Steady Go (1978), tributo esplicito alla civiltà beat, One Hundred punks (1978), marziale alla Who e melodica alla Kinks, e Youth Youth Youth (1978), blues-rock enfatico e tribale, sono i loro successi.

L'album Generation X rimane uno dei capolavori del punk-rock.

Nel 1979 c'è Valley Of The Dolls, lo stile si raffina. I loro ultimi classici, su Kiss Me Deadly, sono Triumph e Dancing With Myself, quest'ultimo su uno stile rockabilly con sovratoni di hard-rock sovrapposto a un battito da discoteca.

Generation X è una band preparata, capace di comporre piacevoli armonie pop e incalzanti riff di hard-rock e Billy Idol conferma la capacità di trascendere il genere e fondare, sulle macerie del punk, un nuova forma di ballabile rock.

Nel 1981 Billy Idol lascia l'Inghilterra e i Generation X per andarsene a New York.

Dà il via ad una nuova carriera di tutt'altro genere; incontrando Steve Stevens, chitarrista, inizia a creare una band, si uniscono al progetto Phil Feit (basso) e Steve Missal (batteria).

Nel 1982 esce il suo primo lavoro, Billy Idol conia una "ballad" a ritmo vertiginoso, impostata sulla bravura del chitarrista Steve Stevens e su un frenetico ritmo elettronico. Dalle sue canzoni s'intuisce un umore a metà tra il romanticismo e perversione, come Love Calling o White Wedding. Siamo al 1983, l'anno in cui esce Rebel Yell, un album che tutt'oggi rimane nella storia. Per realizzare questo disco Billy Idol forma un bel gruppetto, Steve Stevens alla chitarra, Judi Dozier alla tastiera, Steve Webster al basso e Tommy Price alla batteria. Questo è l'anno in cui Idol sfrutta la sua popolarità su MTV, il bell'aspetto del biondo ribelle funziona parecchio nei video clip.

All'apice del successo iniziano i primi coinvolgimenti nel mondo del cinema. Intraprende un lungo periodo di lavorazione con Joel Silver (poi produttore di Arma Letale di Richard Donner e Die Hard di John McTiernan, n.d.r.) su una sceneggiatura, che poi finisce nel nulla, di cui avrebbe dovuto curare la colonna sonora. Ci sono molti cambianti: Steve Stevens se ne va per formare una sua band e Billy decide di trasferirsi a Los Angeles. Passano ben tre anni prima di poter riascoltare un nuovo lavoro.

Siamo nel 1986, esce Whiplash smile, direi un titolo appropriato per lui, "il sorriso beffardo" famoso per le sue smorfie sensuali e provocatorie. Quest'album racchiude un riff di hard-rock e un drum-machine da discoteca.

Nel 1987 è la volta di Vital Idol, belle canzoni anche qui.

Nella vita di Billy Idol arrivano delle novità, il 15 giugno 1988 nasce Willem Wolfe Broad il primo figlio avuto dalla relazione con la ballerina Perri Lister, durata dal 1980 al 1989, (Attualmente il figlio di Billy, canta e suona la chitarra in una band chiamata Lukas, proprio come fece il papà). Quando termina la relazione con Perri, ha altre avventure, con Justine Bateman, Savannah e Maria Conchita Alonso. Il 21 agosto 1989 nasce da un'altra relazione Bonnie Blu la seconda figlia.

Dopo un incidente motociclistico con la sua Harley Davidson, che quasi lo uccide, rischia di perdere un piede, stando fermo per sei mesi.

Esce nel 1990 Charmed Life, un album all'insegna di un sound più tranquillo e atmosferico con Cradle Of Love l'hit di quest'album; per questa canzone fa un video, e con l'energia ballabile dell'indimenticabile L.A. Woman, con Charm ed Life arriva il disco di Platino a confermare il grande successo di vendite ottenuto. Nel 1991 oltre alle sue performance di cantante, recita nel film The Doors, di Oliver Stone. Billy Idol si vede in piccoli ruoli anche in altre pellicole come: Mad Dog Time (1996) di Larry Bishop, The Wedding Singer (1998) di Frank Coraci, Heavy Metal (2000) di G. Potterton e J. T. Muratami. Nel 1993 esce Cyberpunk, un disco dedicato alla fantascienza di William Gibson e alla turpe realtà di Los Angeles.

Nel 1994 sfiora la morte per un'overdose. Questo fatto cambia radicalmente la sua vita, rendendosi conto che doveva impegnarsi a non ricadere mai più in quello squallore.

Molte volte il successo e i soldi ti fanno commettere errori e cadere in quel vortice d'abusi come la droga. Successivamente ci sono dodici anni di relativo silenzio, se escludiamo un Greatist hits datato 2001, il Live unpluged VH1 Storytellers del 2002, qualche apparizione negli States, la collaborazione con il chitarrista Tony Iommi dei Black Sabbath e quella con il fido chitarrista Steve Stevens al brano Speed, colonna sonora dell'omonimo film di Jan de Bont con Keanu Revves e Sandra Bullock.

Nel 2005 Torna alla grande dopo il silenzio discografico, più in forma che mai, con l'album Devil's Playground, regalando canzoni che racchiudono la maturità di Idol, rappresentando il passato e il presente, la rabbia, la grinta e l'amore. Con un team vincente, azzeccando l'accoppiata con Steve Stevens, e i suoi ex musicisti come Stephen Mc Grath al basso e Brian Tichy alla batteria.

Nel 2006 Billy realizza Happy Holidays, un album di cover natalizie. Idolize Yourself: The Very Best Of Billy Idol uscito a fine giugno del 2008 raccoglie alcuni dei grandi successi di Billy più due nuovi brani. Si tratta di John Wayne e New future weapon, canzoni, realizzate insieme allo storico partner Steve Stevens.

Quando il tuo spirito è di un vero rocker e ti ritrovi con le spalle al muro (come gli successe nel 1995), puoi decidere di non venderti alle case discografiche scendendo a dei compressi che non ti piacciono, cambiando il modo di cantare e sporcando il tuo credo, solo per renderti commerciale, così decidi e smetti di pubblicare.

 

 

 

Passa il tempo, hai tutto, ma ancora in cerca di qualcosa di più, così attendi il tuo momento. Finalmente l'attesa si è conclusa, Billy Idol è tornato! Un personaggio come lui non può cambiare pelle! Con una vita tormentata da eccessi di droga, la responsabilità d'essere padre, i problemi con le case discografiche, il brutto incidente motociclistico (che non gli ha fatto perdere il suo grande amore per l'Harley Davidson), la disintossicazione dalla droga, dopo la brutta vicenda, il coraggio e la forza di combattere, affrontando e superando tutto questo.

 

A 53 anni Billy Idol, è e sarà per sempre quel ragazzo ribelle che decise di farsi chiamare "Idolo" regalando canzoni stupende che ancora oggi non possono che essere amate per la carica e la sensualità. Saranno il simbolo di quel ragazzino che portò avanti il suo sogno.

 

Scritto e pubblicato nel 2009 da AngelDevil Rock

 

Pubblicata nel febbraio 2009