CONDIVIDI

FOO FIGHTERS

Wasting Light

RCA Records

 

 

Ed eccoli qui i mitici FOO FIGHTERS che tornano, finalmente, con "Wasting Light" il settimo attesissimo album di inediti... e che album! Prodotto da Butch Vig (già produttore dei Nirvana) e mixato da Alan Moulder,"Wasting Light" è stato registrato interamente su nastro analogico nel garage della casa di Grohl a San Fernando Valley, in California. Mr. Dave Grohl ancora una volta coi suoi fidi compagni di “viaggio”: il bassista Nate Mendel, il batterista Taylor Hawkins, e i due chitarristi- il ritrovato Pat Smear e Chris Shiflett, hanno dato vita a un disco godibilissimo, compatto e granitico, di sano rock - nelle sue più totali sfumature- che contiene vere e proprie perle in musica, cariche di emozioni forti. Eccellente la composizione dei testi e della struttura ritmica, notevole la tessitura strumentale, ma in primis ciò che colpisce è la voce graffiante ed energica di Dave Grohl che vola tra note alte e basse in maniera a dir poco eccellente... che grinta!! Questo disco arriva alle orecchie, alla testa e al cuore come un lampo rock che mette sul tappeto le radici musicali della band-coerente da oltre 15 anni di carriera. Le 11 canzoni che ci vengono srotolate suonano fottutamente Foo Fighters. La partenza affidata a "Bridge Burning" che lascia immediatamente fluire un suono compatto che imprime potenza, melodia e precisione. Costruita attorno a muri di chitarre metalliche ed adornata da un bridge "strillato" di grande efficacia di Grohl, si arriva a "Rope", il bellissimo singolo che è già diventato un brano hit... difficile resistere ai repetuti ascolti. E si arriva poi al tris d'assi con "Dear Rosemary" che vanta la prestigiosa presenza di Bob Mould alle chitarre ed ai backing vocals, "Arlandria" e " These Days" song che affascinano, incantano...che ti fanno innamorare e ri-innamorare di questa band. Le canzoni si susseguono con piacere e ci si ritrova alla penultima traccia "I Should Have Known", una ballata in puro stile grunge melodico che vede la partecipazione, non a caso, di Krist Novoselic. Questa canzone mette in luce, tra armonie sensuali ed una calda interpretazione vocale, il genuino talento che si rivela pura delicatezza ed eleganza trasposte in musica. Con "Walk" si  arriva verso un finale strepitoso, brano che stramerita per nulla scontato, anzi con la sua carica esplosiva e la melodicità è una  botta allo stomaco e al cuore. Meraviglioso... ideale per essere il secondo singolo. Il brano che forse (qui sarà solo una questione soggettiva e non oggettiva) fa da oliva tra le frogole è "White Limo" un violentissimo assalto sonoro, molto grezzo con tanto di videoclip che circola su YouTube con Lemmy dei Motörhead. "Wasting Light" è un disco che va ascoltato con molta attenzione, non una ma più volte, perchè ad ogni ascolto ci si sfama della forza passionale e intensa di questa band che non mancherá di emozionare fans di vecchia data e newcomers. Ora non rimane altro che vederli live il 15 giugno in una data super esclusiva al Rock In Idrho di Milano, ma nel frattempo COMPRATE questo CD!

 

 

Recensione di AngelDevil Rock

 

 

TRACKLIST:

1 Bridge Burning

2 Rope

3 Dear Rosemary

4 White Limo

5 Arlandria

6 These Days

7 Back & Forth

8 A Matter Of Time

9 Miss The Misery

10 I Should Have Know

11 Walk

Pubblicato l'11 Aprile 2011