CONDIVIDI

INTERVISTA ESCLUSIVA

KORY CLARKE

CANTANTE E LEADER DEI

a cura di AngelDevil Rock

Kory Clarke cresciuto a Detroit, è uno di quei personaggi carismatici capace di mantenere una ben precisa connotazione stilistica nonostante i cambiamenti dei musicisti e degli anni con un Rock stradaiolo al confine col blues, e atmosfere cupe di ossessioni socio-politiche. Con i suoi Warrior Soul formati nel 1987 debutta nel 1990 con "Last Decade Dead Century", l'anno successivo escono con "Drugs, God And The New Republic", seguono "Salutations From The Ghetto Nation","Chill Pill" e "Space Age Playboys" fino allo scioglimento nel 1995. Kory da vita cosi ad un nuovo progetto denominato "Space Age Playboys", poi un disco solista "Opium hotel" fino ad approdare come voce nei Trouble e riformare nuovamente i Warrior Soul dopo un lungo tour europeo.

 

 

AngelDevil: Parliamo un po' del nuovo album dei Warrior Soul. Hai pubblicato le prime copie con il titolo “Chinese Democracy”, ora invece ha un altro titolo “and we Rock and Roll”. Qual è il motivo per cui volevi chiamarlo Chinese Democracy? Qual è il significato del titolo?

KC: A dire il vero tutti questi titoli potrebbero essere scartati e sostituiti dal vero titolo “Destroy the War Machine”. Il disco non è ancora uscito. Abbiamo programmato di pubblicarlo a maggio in Europa e a giugno negli Stati Uniti. Per l’Europa avevamo pensato in effetti a “and we rock and roll” ma sto pensando ancora di cambiarlo in “Destroy the war Machine…Live in Peace”. Per quanto riguarda le ragioni per cui volevo intitolarlo “Chinese Democracy, beh…innanzi tutto perché ho visto le Olimpiadi questa estate in tv ed erano in Cina e ho visto un sacco di dimostrazioni di Democrazia (persone che votano per le cose) a tal punto da convincermi che Chinese Democracy potesse essere il titolo adatto (ride)….inoltre perché così facendo ho avuto un sacco di pubblicità gratis (ride ancora).

 

AngelDevil: Che reazione avete avuto dai fans fino ad ora?

KC: Fino ad ora abbiamo ricevuto grandissime recensioni, diciamo che è un buon disco di vero rock and roll. Ha tutte le caratteristiche dei Warrior Soul che lo rendono un ottimo disco della band!

 

AngelDevil: Quali sono le canzoni più forti dell’album?

KC: Mi spiace risponderti così ma ciascuna ha la sua forza, per questo le amo tutte. Ci sono dei momenti davvero forti in tutti i pezzi, ma se proprio devo dirne un paio che sono eccezionali direi “Fuck the pigs” e “The forth Reich”.

 

AngelDevil: Personalmente amo “She’s Glaswegian”, mi si è fissata in testa. Cosa ti ha ispirato a scriverla e da dove arriva il suo testo?

KC: Ero a Glasgow e Rille, il nostro chitarrista era con questa booking agent che era davvero sexy così ho iniziato a cantare la canzone. L’ho suonata per due anni e poi mi sono deciso ad inciderla. Parla delle ragazze di Glasgow come LA Women parla di LA.

 

AngelDevil: Qual è la canzone di Kory Clarke di cui vai maggiormente fiero?

KC: Nella mia carriera? Direi “Punk and Belligerent”, “Blown Away”, "Trip Rider” “The Losers”, “Drugs God and The New Republic”, giusto per dirne alcune. Amo molto “Opium hotel” del mio album da solista. Sto lavorando anche ad una nuovo disco solista, a dire il vero!

AngelDevil: Cosa pensi dell’industria musicale di oggi, dopo la nascita di iTunes e della musica in formato digitale?

KC: Non saprei, direi che va bene. Non mi interessa molto della parte economica, io faccio la mia musica e cerco di essere una persona migliore per quanto sia nelle mie possibilità. Scrivo e registro, faccio concerti e cerco di sopravvivere.

 

AngelDevil: Cosa cerchi di trasmettere al tuo pubblico?

KC: Spettacolo. Do tutto me stesso ad ogni concerto, e così deve fare la band altrimenti non saranno lì al prossimo tour, e invece tornano sempre!

 

AngelDevil: Cosa vorresti che si portassero a casa dopo uno dei tuoi show?

KC: Un sacco di magliette e di cd (ride)! Voglio che le persone sperimentino la musica che ho scritto al massimo della sua potenza e della sua energia.

 

AngelDevil: Avete in progetto di venire in Italia per qualche concerto?
KC:
Stiamo cercando date in Europa e in America quindi se qualcuno è interessato al mio show da solista o ad un concerto dei Warrior Soul ci contatti attraverso Myspace.

 

AngelDevil: Come ogni altra forma d’arte, la musica dipende da una certa percentuale di talento e da una certa percentuale di equipaggiamento. Cosa della tua strumentazione è assolutamente indispensabile?
KC:
Ho bisogno della mia attrezzatura di registrazione ovunque io sia perché va a finire che mi metto sempre a cantare qualcosa oppure a dover registrare qualcuno che suona.

 

AngelDevil: Come descriveresti un giorno della tua vita?

KC: Adesso come adesso mi sveglio, cerco di ricordarmi in che Stato sono e di conseguenza capisco anche che ore sono in base al fuso orario e calcolo l’ora negli altri Stati con cui devo mettermi in contatto. Mi accerto che la mia connessione internet sia abbastanza veloce al che inizio a controllare e rispondere alle mail, scrivo, parlo al telefono per 3 o 4 ore, mi aiuto con un bel caffè che mi fa concentrare. Poi lavoro al materiale del mio spettacolo da solista, al nuovo album dei Trouble, le interviste e le canzoni dei Mob Research, The Stoned, il mio libro, il mio blog…e così via, mangio e vado a dormire.

 

AngelDevil: Cosa ti aspetti dal futuro?

KC: E’ l’alba di una nuova era. Viviamo circondati da un dolore molto serio e che non smette di crescere, potremmo fallire come specie se non rimettiamo assieme i cocci. Dobbiamo aspettarci che le forze oscure saranno pronte ad agire al più presto nel loro modo maligno e starà a noi scontrarci con loro. Entrare in azione attraverso la positività e cercare di essere liberi e in pace…se potete.

 

AngelDevil: Cos’è per te una vita da rocker?
KC:
Un vita vissuta al massimo. Vivere come se fosse il terzultimo giorno disponibile sulla terra, perché se vivessi come se fosse l’ultimo giorno non riusciresti a fare un bel niente! Se invece di giorni ne hai tre sono sicuro che qualche cosa di buono può uscire! (ride)

 

AngelDevil: Sex, drugs and rock’n’roll…cosa rispondi?

KC: Vai in chiesa, cerca di comportarti bene e dormi. Sto scherzando (ride) Quello stile di vita esiste per pochi eletti. Sono più il tipo di musicista che muore di fame (ride).

 

AngelDevil: Cos’è la cosa più importante della tua vita? La cosa a cui non rinunceresti mai.

KC: Ahh, farei qualsiasi cosa per una confezione da sei (sigarette..), puoi averne un po' anche tu, quello che è mio è tuo. Davvero non lo so, non andrei a “Ballare con le stelle”. Ah

 

AngelDevil: Alla fine della nostra chiacchierata ho un’ultima domanda. Qual è la domanda migliore che vorresti sentire in un’intervista ai Dirty Rig  o dei Warrior Soul ma che non ti è mai stata chiesta? Ora ti do la possibilità di rispondere.

KC: Non mi viene in mente niente ma voglio concludere dicendo questo. Sono davvero fortunato ad avere fans e amici così meravigliosi in giro per il mondo, cerco di dare loro tutto il possibile attraverso la mia musica, la mia arte e il mio show. Sono molto fortunato. Grazie per l’opportunità che mi hai concesso di parlare con te e con gli amici in Italia!

 

 

AngelDevil: Kory grazie a te per la tua gentilezza. Spero di vedere te e la band al più presto a Milano!

 

Intervista pubblicata il 28 marzo 2009