CONDIVIDI

STEEL PANTHER + The Treatment @ Alcatraz di Milano 22 Marzo 2012

Report e foto a cura di Fabrizio Tasso

Potevamo noi di RockRebel Magazine perderci la prima italica calata degli americani Steel Panther? La risposta è ovviamente no, in effetti molti del nostro staff sono accorsi per gustarsi questa splendida serata che a mio parere rappresenta una degli avvenimenti clou dell’anno. Anche l’ottima affluenza di pubblico certifica che il fenomeno Steel Panther ha fatto breccia sia nel cuore degli amanti delle sonorità anni 80, sia in quello delle giovani leve. Ma andiamo per ordine. Ad aprire la serata troviamo i The Treatment. I ragazzi di Cambridge confermano nuovamente quello che avevano già espresso nella loro data precedente con Alice Cooper. Con la loro ottima presenza e un lotto di canzoni fresche e trascinanti, riscaldano a dovere la sala fornendo davvero una buona prova. Rapido cambio palco e alle 21:00 in punto si spengono le luci. Il boato che si scatena sull’intro “In The Future” è assordante e si protrae sino all’ingresso della band sul palco. “Supersonic Sex Machine” apre le danze e con la sua carica dirompente trascina l’Alcatraz e tutti gli spettatori in un party selvaggio figlio della Los Angeles degli anni 80. La platea si scatena, completamente soggiogata dal carisma espresso dai 4 ragazzi americani. Lo stereotipo “sex, drugs and rock ‘n’ roll” rivive ancora una volta grazie a questa fantastica band e alla loro immensa ironia. L’intuizione vincente, proposta da Michael Starr e compagni, è quella di alternare le loro splendide canzoni ad intermezzi deliranti conditi da sproloqui sessuali ultra-spinti. L’estremizzazione dei cliché tipici del glam/street che fu riesce alla grande a tutti i membri della band.

Specialmente a Lexxi Foxxx (il bassista) che non perde un minuto per controllare il suo trucco allo specchio o per spararsi quintali di lacca sui capelli. Si prosegue con le varie “Tomorrow Night”, “Asian Hooker” , “Just Like Tiger Woods” fino ad arrivare all’assolo di chitarra di Satchel. Il chitarrista non si può certo definire un ultra tecnico (in effetti durante il “Volo Del Calabrone” gli si intrecciano un pochino le dita), ma il suo grande carisma e il fatto di puntare su riff di canzoni strafamose (Deep Purple, Judas Priest, Iron Maiden, Metallica etc.) diverte in maniera strepitosa la platea. Le emozioni continuano ad aumentare specialmente con i due “lenti”. “Community Property” (splendida) e “Girl From Oklahoma” (da sganasciarsi grazie al suo grandissimo testo). L’apice del coinvolgimento viene raggiunto con “Party All Day (Fuck All Night)” (meravigliosa canzone presente nel loro primo cd) quando vengono invitate sul palco un nugolo di belle ragazze sul palco. Satchel da il meglio di se leggendo sul palmo delle sua mano frasi in italiano (naturalmente a sfondo sessuale) suscitando l’ilarità di noi tutti.

Purtroppo siamo quasi alla fine, “Death To All But Metal” chiude il concerto prima dei bis facendo saltare e cantare tutta la sala. Uno spettacolo meraviglioso! Al rientro sul palco c’è ancora tempo per due pezzi, “The Shocker” e la fenomenale “17 Girls In A Row” mettono la parola fine su una delle serate più divertenti alle quali abbia assistito negli ultimi anni. Devo dire che questa prima data degli Steel Panther nel nostro paese è stata veramente un successone. Lo show imbastito da questi 4 folli è la cosa che in assoluto più si avvicina ad un party sul sunset boulevard durante gli anni buoni.

 

Per il resto, il fatto di basare il loro successo ironizzando ed estremizzando un genere musicale come il glam, io lo chiamo genialità. Speriamo di poter ripetere in futuro una esperienza come questa, grazie agli Steel Panther per la serata indimenticabile e grazie a Stix Zadinia per averci concesso una bellissima intervista che presto vedrete sulle nostre pagine. Death To All But Metal !!!

 

 

Steel Panther Setlist

1. Supersonic Sex Machine

2. Tomorrow Night

3. Fat Girl (Thar She Blows)

4. Asian Hooker

5. Just Like Tiger Woods

6 Gold-Digging Whore

7 Satchel Guitar Solo

8 It Won’t Suck Itself

9. Community Property

10 Eyes Of A Panther

11 Girl From Oklahoma

12 Party All Day (Fuck All Night)

13 Turn Off The Lights

14 Death To All But Metal

Bis

15 The Shocker

16 17 Girls In A Row