CONDIVIDI

TERROR +DEATH BEFORE DISHONOR+TAKE OFFENSE+TRACES OF YOU @ Rock'N Roll Romagnano Sesia (NO) 12-aprile-2012

Report e foto a cura di Luca Casella

Partiamo per raggiungere la destinazione fissata sotto una fastidiosa pioggia che diventa intensa durante il tragitto. Visibilità quasi nulla e lavori in corso ci accompagnano fino alla meta: il Rock'N'Roll in quel di Romagnano Sesia, ottimo locale con un bel palco ed impianto sonoro. La serata si preannuncia adrenalinica, quattro band con un unico filo che le lega, l'amore per i suoni potenti di quel sano Punk-Hardcore che tanto ci piace. Cartellone di tutto rispetto che unisce la west-coast  con la East-coast Americana passando per Milano proponendo due band Californiane, una di Boston ed i primi a salire sul palco dal vicino capoluogo Lombardo.

 

Ma andiamo con ordine: i TRACES OF YOU salgono puntuali alle 20,50/55 come annunciato per proporci il loro suono potente e ben strutturato, convincono e strappano applausi ai pochi presenti al momento della loro performance. Bravi, anche se sono in giro da parecchio tempo, per me era la prima volta di un loro concerto e non mi resta che battergli le mani. Veloce cambio di palco, viene smontata la batteria dei TOY e preparato tutto per la seconda band.

 

Ed ora eccoci alla vera sorpresa della serata! Da Chula Vista California i TAKE OFFENSE fin dalle prime note ci colpiscono in positivo. West-Coast style vicino ai Suicidal Tendencies per capirci, ma belli cattivi, il cantante A.H. Salta, corre, urla fino a grondare di sudore per regalarci una abbondante mezz'ora di ottimo sound. Hanno pubblicato un CD nel 2010 da cui attingono a piene mani per la loro scaletta. Davvero una bella scoperta questo combo che vediamo nella loro prima venuta in terra Italica (stavolta ne sono certo...N.d.A.), intanto il pubblico, che li applaude, si è infoltito ed il locale raggiunge un buon numero di presenze.

Ed ora veniamo al motivo della trasferta, il gruppo per cui valeva la pena esserci; da Boston i DEATH BEFORE DISHONOR! Facenti parte della seconda ondata Punk-hardcore arrivata a fine anni '90 inizio 2000 attingono a piene mani dalla vecchia scuola con suoni potenti, senza fronzoli, orgogliosi delle loro origini Bostoniane e legati alla scena della East-Coast locale a filo doppio. Una manciata di dischi alle spalle, tra cui vi consiglio "Friends Family Forever". La scaletta è un breve greatest hits della loro produzione. Ora vi facciamo partecipi dei fatti accaduti durate la loro esibizione....alla seconda canzone, quando il pogo si era già paventato nella sua forma più violenta, un black-out ha messo fine alle danze, panico,mobilitazione del locale, addetti al lavoro in frenetico sbattimento per risolvere il danno, e in men che non si dica la luce è tornata, un plauso ai ragazzi del RNR per l'impegno! Causa del corto circuito ??? Una birra rovesciata sulle prese di corrente a bordo palco da uno spettatore colpito da chi pogava in modo pesante mentre innalzava il bicchiere alla salute della band, una bottiglietta d'acqua con tappo non avrebbe fatto lo stesso danno...Ripristinato il tutto si riparte  e i DBD fanno fede alle mie aspettative, colossali, li adoro. Chiudono con una cover dei Cock Sparrer rinominata "Boston Belongs To Me" che vado a cantare in coro sotto il palco in mezzo al delirio.

Ok, manca solo l'ultima band a sigillare una bella serata. I TERROR, unica band delle quattro che ho già visto live. Attivi, anche loro, dal 2000 formatosi in quel di Los Angeles hanno raggiunto l'apice del successo con il terzo album che vendette qualcosa come oltre le 80000 copie . Non mi ricordavo male, mi erano piaciuti e stasera riconfermano la loro bravura, trascinanti e metallici; sotto palco continua lo stage-diving incitato dal cantante che chiede ed ottiene vari circle-pit. Durante un "lancio di Donna" dal palco ho rischiato di ritrovarmi in testa la ragazza di turno tuffatasi in cerca di una presa sulle teste delle prime file, l'ho evitata ma non ricordo che fine abbia fatto lei... Verso la fine partono i ringraziamenti per il numeroso pubblico, per tutte le band che hanno creato la "scena". Scott Vogel cita tra gli altri i nostrani Stenght Approach, per l'hardcore come filosofia di vita e per il dovere di amare le proprie origini, insomma per tutto un po'. Niente bis, concerto tirato, pochi ghirigori tanta sostanza. Ma come sono contento.

 

Grazie, come sempre, alla mia dolce metà che ha condiviso la trasferta e mi ha dato consigli utili per NON spendere l'intero stipendio al banchetto del Merch...Alla nostra ospite sul sedile posteriore Manu , a Margherita del RNR per l'ospitalità ed agli organizzatori della serata. Back to Home con i Take Offense nel lettore CD.

 

DEATH BEFORE DISHONOR

TAKE OFFENSE

TRACES OF YOU