CONDIVIDI

 

 

THE ADOLESCENTS + BURNING HEADS

 

  

@ XM24 Bologna – 11 luglio 2011

 

 

a cura Andrea “Canthc” Cantelli

 

 

 

Luglio stringe nella sua morsa afosa ma il mio animo di punk rocker è già caldo di per se perchè questa sera c’è uno degli show più attesi di quest’ estate 2011…infatti all XM24 di Bologna suoneranno una delle icone della scena hardcore mondiale; i leggendari Adolescents supportati da una delle punk rock bands più longeve e produttive del vecchio continente, ovvero i Burning Heads da Orléans (Francia). Partiamo in quattro dalla Romagna, e tra i miei compagni di quest’ avventura ho una combo scomoda, ovvero Manca e Andrea Senso, due che quando sono insieme cominciano a sparare cazzate a tutta randa che fanno ridere solamente loro al mondo, ma in fondo si fan volere bene e con questo sottofondo goliardico ci dirigiamo verso la rovente Bologna.

Arriviamo sulle note dei Pennywise all’ XM 24, una delle mie venue preferite in assoluto per vedere un concerto punk rock, infatti la cornice è perfetta essendo uno centro sociale occupato. Nonostante sia un Lunedì sera il pubblico è quello delle grande occasioni, mai vista tanta gente all XM. a far da contorno c’è anche un innumerevole numero di distro indipendenti nelle quali mi intrattengo a guardar vinili e t-shirts durante le prime due band di supporto che non conoscevo e di cui colpevolmente ne ignoro il nome…lo so una volta ero più rigoroso per questi dettagli, ma ora preferisco godermi al meglio le band che conosco bene e per il resto passare tempo a parlare con gli altri kids o placare la mia smania di collezionismo alle distro.

 

Ma veniamo al concerto, entro nella caldissima e umidissima sala concerti dell XM mentre i Burning Heads si stanno preparando. Sono diversi anni che non vedo la band francese dal vivo e non nascondo una certa emozione. Lo show devo dire che non delude per niente infatti i ragazzi sono più in forma che mai e propongono pezzi qua e là tra la loro immensa discografia (14 albums e molti splits tra cui uno anche con i the Adolescents con cui stasera dividono il palco), mixando pezzi punk rock con intermezzi reggae qua e là a rallentare il ritmo (il loro marchio di fabbrica). Chiusura in gran stile con S.O.S. uno delle loro più grandi hit, poi da li vengono richiamati a furor di popolo sul palco altre tre volte, e i temerari francesi tornano a proporre qualche altro brano tra i quali una cover di “In The City” dei The Jam.

Poco dopo lo scoccare della mezzanotte arriva l’atteso momento dei The Adolescents, la sala concerti dell’ XM è completamente gremita, l’aria è assolutamente irrespirabile e solo i più temerari riescono a rimanere a vedere lo show. I Californiani partono al fulmicotone scatenando un pogo tremendo, prendono pezzi soprattutto dal “Blue album” che tra l’altro ha appena compiuto i suoi primi trent’anni, e devo dire che suona ancora molto attuale. Bello vedere anche come è eterogeneo il pubblico che è infatti composto sia da ragazzi giovanissimi, che da qualche ragazzo un po’ più grande (sulla cinquantina), tutti uniti dalla stessa passione condividendo lo stesso momento. Peccato che non posso godermi questo concerto appieno, infatti dopo quattro/cinque pezzi un ragazzo facendo stage diving atterra direttamente sul mio naso spaccandomelo per l’ennesima volta ( la mia quarta frattura al naso…credo!), e quindi devo lasciare il pit per andare a farmi una medicazione di fortuna e mettere un po’ di ghiaccio. Mi spiace non poter fare un report più preciso dello show degli Adolescents, la prossima volta prometto che non mi faccio rompere il naso. Vi lascio quindi con l’immagine di me fuori dalla sala concerti dell’XM24 sudato, insanguinato e incazzato per non poter vedere la fine dello show…ma anche questa situazione è molto punk, e in fondo mi va bene così.