CONDIVIDI

 

THE PRICEDUIFKES + CASES

 

 Flying Donkey – San Mauro Pascoli (FC) 25 luglio 2011

 

Report e foto a cura di Andrea “Canthc” Cantelli”

Probabilmente aveva più senso fare un report al concerto dei Sepultura, visto un paio di sere prima della data che sto andando a raccontarvi , ma ho deciso di parlare di questo concerto punk che la gente non si è cagato per i seguenti motivi:

 

1) Ho uno stile di fare i report non troppo convenzionale e il metallaro base vuole leggere la scaletta completa del concerto e sentirsi dire quanto sia stato figo il gruppo che ha suonato.

2) Voglio supportare la scena punk indipendente!

3) Ora smetto con questo preambolo che in neanche dieci righe mi sono fatto già abbastanza nemici.

Ma veniamo al racconto della data, esco di casa di buon ora e arrivo prestissimo al piccolo ma carino locale di San Mauro Pascoli che ultimamente sta facendo concerti interessanti nell’ambito indipendente punk rock.

Il clima è subito rilassato, le band hanno appena fatto il soundcheck e hanno ancora gli strumenti in mano, complice qualche birra, incomincia subito una jam session spontanea pre-show nella quale con Dieci (il chitarrista) dei Cases alla chitarra mi ritrovo a fare cover semiacustiche dei NOFX, ma i miei sogni di gloria sono presto spezzati dal titolare del locale che mi interrompe bruscamente per mettere un disco (evidentemente non ero così bravo!).

Una volta arrivati i kids locali ad un orario totalmente casuale aprono la serata i Cases da Rimini, band locale di miei grandissimi amici e che quindi non li starò ad elogiare se no sembra che faccio una marchetta, potrei invitarvi a sentirli, ma sono talmente sprovveduti che non riescono a caricare i pezzi su Facebook (e questo fa di loro dei fighi!). Comunque la band intrattiene i presenti (pochi ma affiatati) con il loro Pop-punk che via via si sta facendo sempre più rock nel corso degli anni. Peccato che a livello nazionale siano pressoché sconosciuti ai più.

Ma veniamo agli headliner della serata e al ritorno in Italia dopo qualche mese dei The Priceduifkes, band punk rock dal Belgio con il nome impronunciabile e l’attitudine giusta. Canzoni al fulmicotone che raramente arrivano ai tre minuti, testi che parlano di ragazze e cazzeggio, poca attenzione all’estetica e molta alla sostanza, brani tratti qua e la dalle loro uscite tra i quali posso citare “She Spell Disatser”, “My balls Itch” o il singolone “Mickey is a Geezer” insomma siamo davanti ad una punk rock band di tutto rispetto. I PDS (così abbreviano l’impronunciabile nome i loro fan) intrattengono al meglio i presenti regalando un Lunedì sera estivo spensierato.

Insomma un punk rocker potrebbe chiedere di meglio? No, non credo proprio!

Nell’ after show andiamo tutti insieme in giro per locali e la serata si rivela molesta come da manuale, all’insegna di skate e birra con i vicini che si lamentano perché facciamo rumore, sarei rimasto all’infinito, ma il Martedì mattina mi devo svegliare presto e quindi faccio tardi comunque. Non c’è che dire, le date indipendenti sono sempre le più divertenti.