CONDIVIDI

 

  THE REAL MCKENZIES

 

 

Water Tower + La ghenga del fil di ferro

 

 

13 Maggio 2010 @ Magnolia, Milano

 

 

Report e foto a cura di Luca Casella

 

 

 

Se arrivi al Magnolia e trovi parcheggio senza farti derubare dai parcheggiatori "non so fino a che punto" autorizzati i motivi sono due: o sei in anticipo o c'è poca gente alla serata. In questo caso valgono entrambi i motivi. Infatti il locale è chiuso e fuori ci sono 5 o 6 persone. La cosa mi preoccupa perché prevedevo il pienone visto il nome in cartellone. I Real McKenzie sono una sicurezza, per lo spettacolo per il divertimento per la simpatia di questo super-gruppo Canadese. Super-gruppo perché ogni componente suona in altri gruppi più o meno famosi dal cantante Paul Mckenzie (TT Racer) al batterista Sean Seller (Good Riddance) al bassista Karl Alvarez (The Descentants) ecc. I componenti a volte cambiano come in questo caso per il "cornamusiere" ma lo spirito e l'attitudine al divertimento restano intatti. Prima del loro live ci sono le esibizioni di due gruppi Italiani. Per questi supporter è stato allestito il piccolo palco all'interno del locale. Il primo è "La Ghenga del fil di ferro" che suona un Punk cantato in lingua nostrana. Seguono gli "Water Tower" Ska-Punk sempre cantato in Italiano. Purtroppo per i miei gusti musicali è un genere che mi stanca in fretta per cui durante l'esibizione parlo con gli amici presenti di cui alcuni (Nico, Raffaele, Davidone) completi di Kilt scozzese. I "Tre pazzi" che compongono l'alcolico"non-ufficiale" Fans-Club Italiano hanno seguito i Real McKenzie anche durante due tappe Scozzesi del lungo tour intrapreso questa'anno dalla band e nella tappa di Montebelluna (TV ), dove hanno eseguito uno show acustico molto apprezzato dal pubblico presente. Piano piano la gente ha cominciato ad arrivare ed il locale alla fine sì e riempito. Poco dopo le 23 sale sul palco del tendone esterno del Magnolia il batterista che dà l'inizio alle danze. Si parte!! Il pubblico comincia il solito pogo a volte un pò esagerato da qualcuno che non capisce che siamo lì per divertirci,comunque. Il loro suono è un misto tra tradizione scozzese e potenza del punk. Non è facile mischiare due generi così diversi ma posso affermare senza ombra di dubbio che lo fanno assolutamente in modo perfetto. Un loro concerto non può mancare nei vostri ricordi anche perché ci resterà di sicuro a lungo. Li avevo già visti in azione e sapevo che sarebbe stato sicuramente un grande show.

Il loro non è solo un concerto ma una festa dove tutti vengono coinvolti. Paul alla voce è uno spettacolo, riesce a mimare le parole delle canzoni ed è bravissimo a far intendere di cosa stà "parlando". Tutto il gruppo è, naturalmente, in kilt e, per tradizione, senza intimo. Durante una canzone ci viene anche dimostrato in modo inequivocabilmente...da Paul. La lista delle canzoni prevede 29 pezzi ma ho perso il conto delle aggiunte  fatte in corso d'opera per cui avere la Playlist in mano non fa testo. Con loro succede sempre così. Ringraziano più volte il pubblico di essere presenti al loro show ,sempre cordiali con tutti. Ci si diverte molto sia sul palco che sotto. Hanno 8 album all'attivo più un DVD Live appena uscito e nelle due ore e mezzo che ci hanno concesso c'è spazio per estrarre il meglio da tutta la loro produzione (non hanno fatto una delle mie preferite, Nessie...sigh). Avete letto bene: due ore e mezzo di concerto!! Alla faccia delle band super pagate e blasonate che dopo un ora o a volte anche meno se ne vanno a casa. I Real McKenzie non si risparmiano ci danno dentro sempre con qualsiasi platea , se c'è poca gente o se ci sono migliaia di persone, se suonano in un Pub o in un festival. Sono delle grandi e belle persone e meritano tutto il supporto possibile . Dopo il concerto si concedono per foto, autografi sempre con il sorriso. Averne di rock-star così!! Alla faccia delle pseudo-star nostrane che pensano di essere dei divi ma se escono dai nostri confini sono delle nullità (Concedetemi questa piccola polemica). Grazie "ragazzi" se potrò non mancherò di presenziare ai vostri futuri spettacoli. Non lo dite in giro...ma sembra che a settembre si replica.

 

 

Clicca sull'immagine per visualizzarla nelle sue dimensioni reali

Pubblicato il 15 Maggio 2010