CONDIVIDI

ADAM FREI

Empty Music Industry

Seahorse Recordings - 2011

 

Debut album per il progetto ADAM FREI (forse una buona fetta di pubblico già lo conosce sotto il nome di The Afterglow), nuovo è il lavoro e nuovo è l’approccio a questo tipo di musica dalla sensibilità differente dettata dall’uso strumentale leggermente univoco. Dieci pezzi con chitarre dominanti al punto tale da creare dell’analog sound un po’ di beatlesiana memoria, in ogni caso, sebbene non inusitato, comunque bello ed elegante. Che il british effect in stile Stone Roses d’inizio anni ’90 sia uno dei marchi di fabbrica proposti è indubbio, però non si disdegna quell’alternative rock universale che, amalgamato al resto, ben ci sta. L’ascolto risulta pressoché uniforme e rigoroso, nulla trapela di complesso o di impossibile, trattasi di un semplice melodico dalle tracce normali, parecchie più accattivanti di altre, più o meno lunghe, ma tutto sommato il derivato è un dischetto simpatico, che si lascia piacevolmente conoscere e che scorre via in maniera fluente. Il remind (più di uno a dire il vero) a taluni mostri sacri del panorama sonoro lo si coglie sicuro, e per fare un esempio possiamo dire che “Rat Singer” rammenta alla nostra memoria un non so che del Muse pensiero. Ma non è tutto, alcune canzoni sono più interiori, altre più funky, certe più rock, che è un po’ il collante che unisce il full lenght tutto, altre ancora maggiormente indie…Il ritmo non manca, anzi, è sempre determinante, anche se in questo impasto di stili viene a trascurarsi un po’ di personalità e temperamento, facendoci assentire che somiglia a questo piuttosto che a quello. Per quanto concerne i testi, cantati in inglese per apportare quell’impronta internazionale d’appartenenza originaria, rimarcano una certa partecipazione politica come impegno ideologico, ma non disdegnano la quotidianità, il gossip e i sentimenti vari. Bene, di empty music qui c’è poco, anzi, la pienezza è percepibile, quello che marca il vuoto è un poco di individualità unita alla tipicità, indi un maggior carattere, necessari per spiccare il volo nel variegato e spesso panorama musicale, ma siamo certi che il tempo forgerà dei vincenti, quindi, non abbassate la guardia e stay tuned. Line-up: Dave Timson_voce e basso; Alex Cherry_batteria; Mik Lennard_chitarra; Alberto Garau_chitarra. Link: www.adamfrei.net

 

Margherita Simonetti