CONDIVIDI

BIGROUGH

Hang On Tight!

Autoprodotto

 

 

Made In Italy sempre più in auge per il rock più longevo! Quel sano rock'n'roll di un tempo e che grazie alle band di nuova generazione continua il proprio e instancabile viaggio in note; i testimonial per l'occasione sono il frontman-chitarrista-compositore Alex Cole, il bassista Paul Vendetti e il batterista Massimo Cavagnera per un power-trio battezzato col nome Bigrough. Band milanese nata nel 2010 e con tanta voglia di trasmettere tutto l'entusiasmo coltivato già da qualche tempo e così, senza troppi indugi, pronti...via! Due brani inediti: “Bad Love” e “Call Of The Wild” (quest'ultimo inserito nella compilation del mensile italiano “Rock Hard”), una serie di concerti tra il nord e il centro Italia con ottimi riscontri e quello stimolo in più per scrivere nuovo materiale, divenuto poi l'EP “Hang On Tight!”, a omaggiare cinque tracce di puro rock accompagnate da un geniale e indovinato mix hard boogie-blues. E a proposito di blues l'inizio dell'opener “Thunder Guts” sembra fatto proprio su misura, fermo restando l'autentica epopea anni '80 suggellata dal refrain e dal solo per un suggestivo tocco vintage. Fantastico richiamo al leggendario Alice Cooper dell'accoppiata “Trash”-”Hey Stoopid” con l'avvincente “Sweet Little Dynamite”, mentre un gradevole boogie style lo si ascolta nella successiva move song “Burning Down In Flames” e con un Cole sempre più leader. A tutta velocità con l'energica adrenalina di “Double Ace To Hell”, davvero speciale il solo preceduto da una piacevole armonica a bocca e anche qui il refrain non è assolutamente da meno e...beh, già si chiude il mini sipario di questo lieto EP con la conclusiva long song “Gold Washerman” regalando un inizio che ricorda da vicino lo storico far-west, e poi, a tutta rock show dove il top è il breve momento narrativo alla Walker Texas Rangers. Tanto di cappello ai Bigrough che hanno saputo bissare il mito di un genere ultra leggendario, ma non solo, credo assolutamente che Alex, Paul e Massimo sono un trio power sotto ogni profilo e già in marcia per un viaggio che può portarli davvero lontano. Sito web: www.thebigrough.com

 

Recensione di Francesco Cacciatore