CONDIVIDI

JORN

"Live In Black"

Frontiers Records - 2011

 

 

Ogni volta che esce sul mercato qualcosa targata Jorn resto sempre meravigliato dalla assoluta qualità dei lavori. Dai tempi dei Vagabond, passando per The Snakes, Ark, Millenium, Masterplane, Avantasia, Allen/Lande, il singer norvegese ha prodotto cd di eccelsa fattura. Quello che continua a stupirmi è il fatto che, nonostante una tale mole di lavoro, tutto quello che viene dato alle stampe non abbia mai un calo di creatività. Questo doppio cd è la testimonianza della sua spettacolare esibizione allo Sweden Rock Festival, registrata il 10 Giugno del 2010 davanti a 25.000 fans in delirio. Per chi ha avuto la fortuna di poter assistere come me alle sue esibizioni live (Jorn-Masterplan-Avantasia) questo “Live In Black” è la conferma definitiva del valore di Jorn come frontman. La dimensione “live” è sempre stata il suo pane quotidiano, ma in questo concerto supera ogni più rosea aspettativa. Sin dall’opener “Road Of The Cross” capirete cosa intendo. La voce di Lande è perfetta, ora calda, ora potente, ma soprattutto riesce a creare un’atmosfera magica dando la sensazione di essere lì in mezzo pubblico. I pezzi scelti fanno parte della sua discografia solista con particolare predilezione per i suoi ultimi lavori (Spirit Black, Lonely Are The Brave e The Duke). Vengono quindi sparati a mille e senza un attimo di sosta tutti i suoi pezzi migliori, come “Shadow People”, “Below”, “Stormcrow”, “Inner Road” per citarne alcuni. Come già accennato in apertura, la prestazione di Jorn è da 10 e lode. Nessun calo di tensione, nessuna esitazione. Il resto della band è da applausi a scena aperta. Tore Moren e Tor Eric Myhre alle chitarre costituiscono una macchina perfetta che sforna riff a ripetizione. In più la sezione ritmica composta da Nick Angileri (Basso) e Willy Bendiksen (Batteria) alimenta la potenza delle canzoni a dismisura. Con una band di tale livello il diverimento è assicurato. Inoltre i due assolo di chitarra e quello di batteria calzano a pennello, integrandosi alla perfezione nella scaletta. Toccante il tributo a Ronnie James Dio in “Man Of The Dark” con una prestazione vocale di Jorn da far accapponare la pelle. Tra le canzoni che mi hanno esaltato di più citerei sicuramente le versioni di “Soul Of The Wind” e “Rock N Roll Angels”, assolutamente emozionanti, e la cover dei Thin Lizzy (“Are You Ready”), altro grande amore del cantante scandinavo, insieme a Whitesnake e Ronnie James. In quest’ultima canzone l’impressione che sia David Coverdale a cantare è fortissima. Come ben saprete uno dei cantanti ai quali si è ispirato maggiormente è proprio Mr. Coverdale ed in questo pezzo Jorn emula alla perfezione il Maestro! Ragazzi da brividi (procuratevi “Live In Europe” dei The Snakes). Ma le emozioni non sono ancora finite.. “War Of The Worlds” chiude il secondo cd in maniera spettacolare! Dopo quasi un ora e mezza la voce di Jorn è devastante quanto all’inizio del concerto (la serie di urli che tira è da standing ovation!). La canzone di per se è già un pezzo straordinario, ma l’interpretazione della band la rende ancora più incredibile. Il pubblico nel break centrale accompagna il gruppo con i suoi “oh ohoh oh” ed è così trascinante che far venire voglia di unirsi al coro. Ma l’ultima chicca è l’inserimento di un accenno a “Man On The Silver Mountain” per tributare ancora una volta il nome di Ronnie James Dio. Questo suo secondo live (il primo è stato “Live In America” uscito nel 2007) contiene tutti gli ingredienti per passare alla storia. In primis per la stupenda prestazione dietro il microfono di Jorn Lande e della band che lo ha supportato. In secondo luogo la registrazione è perfetta senza nessun ritocco e trasmette pienamente la spirito di un live album. La scelta delle canzoni inoltre è azzeccatissima. Ed infine per la cornice stupenda dove è avvenuto l’evento. “Live In Black” in uscita il 27 Agosto (in versione 2cd+dvd) si candida ad essere il live album dell’anno, non fatevelo scappare!

 

 

Recensione di Fabrizio Tasso