CONDIVIDI

THE MIGHTY MIGHTY BOSSTONES

The Magic Of Youth

Rude Records – 2011

 

25 anni di carriera e non sentirli...piacevole elisir di lunga musica per i The Mighty Mighty BossToneS che presentano il loro nono album a tutta ska-punk! L'ottetto nativo di Boston è un po' come una mini orchestra in quanto nella line-up figurano due sassofonisti: John Timothy Burton e Roman Fleysher e il trombettista Chris Rhodes, motivo in più per intingere un tocco anche artistico alla band capitanata dal lead singer Dicky Barret. Il presente “The Magic Of Youth”, in uscita per la Rude Records, suona il già sottolineato ska-punk con piccole influenze hardcore punk e third wave of ska (lo ska della terza ondata sorta alla fine degli anni 80), per dare vita alle undici tracce con ritornelli sing-along, classici beat ska-core e vibranti linee di fiati, il tutto accompagnato dalla voce roca del frontman e dal basso di Joe Gittleman che da il via all'opener “The Daylights” per una partenza simpaticamente imponente. Divertente“Like A Shotgun” destinata a far danzare ben oltre i suoi 3 minuti, mentre nella successiva “Disappearin” Mr. Dicky Barret interpreta la strofa leggermente in sordina per poi aprirsi a un refrain senza dubbio avvincente. Avete nostalgia dei Madness? Date un'ascoltatina a “Sunday Afternoons On Wisdom Ave”, li ricorda anche se in piccola parte invitando a un viaggio retrò davvero imperdibile! Il clima festante di “They Will Need Music” potrebbe fare da epilogo alle performances live e il finale omaggiato da un indovinatissimo piano avvalora quanto appena detto. A titolo personale trovo il sound dei BossToneS vivace e colorato, adatto a riempire quelle giornate di inaspettato relax e le tracce “ The Package Store Petition” e “The Horse Shoe And The Rabbits Foot” hanno energia e tinta a volontà; e la title-track può essere da meno? Direi proprio no visto che il trio aerofono si diletta nella stessa con un tocco solare in più. Di scanzonata dinamicità si veste “The Upper Hand”, mentre non confonda il titolo della successiva “The Ballad Of Candlepin Paul” perché continua il beat style di Barret e compagni e che va a chiudere, con “Open And Honest”, un album ricco di atmosfere briose e coinvolgenti. Grazie a una già onorevole carriera i Mighty Mighty BossToneS si sono assicurati un posto nella “Rock And Roll Hall Of Fame” e non solo, ogni anno la band stessa organizza nella propria città l'Hometown Throwdown e anche in questa occasione l'evento è sold out da mesi, un'altra abitudine bella e vincente per l'ottovolante in note.

Sito web: www.bosstonesmusic.com

 

Recensione di Francesco Cacciatore