CONDIVIDI

MONOCROMO

Semplice

Elnor Studio Records

 

Decisamente in ritardo sula data d'uscita (2010 ), ma molto volentieri mi accingo a recensire il lavoro autoprodotto dei milanesi MONOCROMO. Band votata al crossover, nata come cover-band del meglio del genere che, dopo anni di gavetta, macinando live, decidono di incidere un Cd di pezzi originali. Il risultato e ottimo, ben suonato e con liriche notevoli che fotografano la realtà del mondo con particolare interesse per quello Italiano. Vederli live ci ha dato modo di apprezzarne le loro qualità e, se il genere interessa, vi consigliamo di partecipare ad una loro esibizione.

 

Il disco, fin dall'intro, tratto da Matrix ci accoglie in un crossover cantato in Italiano piacevole ed allo stesso tempo potente, non c'è una canzone "debole" , sono tutte coinvolgenti e trascinanti. Non si riesce a fare una classifica delle meglio riuscite, posso segnalare "Voglio Andare In Exstasy" della quale condivido ogni singola parola. Testi che riportano il brutto della società come l'avere successo ad ogni costo in "Chù-chà Manùber" ( slang in dialetto Milanese indicante uno od una che elargisce fellatio e desta ed a manca pur di "arrivare" )  o contro il razzismo in "Contro Ogni Pregiudizio" per passare ad un possibile futuro descritto in "Terra Arida" arrivando ad un pochino di speranza nella traccia che chiude il tutto , "Luce Svegliati". Un bel disco che gira spesso nel mio lettore anche se il genere non è tra i miei preferiti. Giudizio più che positivo! Cercatelo o chiedetelo a loro direttamente tramite i vari Socialnetwork tra cui myspace.com/monocromo69.

 

 

Luca Casella