CONDIVIDI

NEWMAN

Under Southern Skies

AOR Heaven/Frontiers Records - 2011

 

A pochissima distanza dall’uscita del progetto Big Life (già recensito dal sottoscritto sulle nostre pagine) che vedeva unire le forze di Steve Newman con Mark Thompson-Smith, ex cantante dei Praying Mantis, esce questo “Under Southern Skies”, ultimo lavoro dei Newman. Inutile dire che Steve colpisce di nuovo nel segno, creando un altro piccolo gioiellino che ogni fedele fan dell’Aor dovrebbe avere nella sua discografia. Come al solito è Steve ad occuparsi di tutto, avvalendosi solo dell’operato di Rob McEwen alla batteria. L’iniziale “Killing Me” va a pescare nelle sonorità che hanno reso famosi sia Robert Tepper che i Survivor, supportata da un ottimo guitar-working e dal solito ritornello accattivante. In generale tutto il cd è infarcito di ottimi riff di chitarra che molto spesso sono affiancati da melodiose tastiere come in “Southern Skies”, “If He Loves You” e “Strength To Carry On”. La bravura di Newman sta nel dosare alla perfezione potenza e melodia riuscendo a creare un trademark assolutamente personale e riconoscibile. Pezzi come “Ghost In The Night”, “She’s Gone” e “Save No Prisoners” con il loro groove travolgente sono sicuramente da annoverare tra i pezzi migliori che Steve Newman abbia mai scritto. Piccola parentesi da aprire per Rob McEwen, che non si limita a tenere il tempo, ma da sfoggio di gran tecnica e gusto creando alcune linee di batteria davvero interessanti. Come in ogni cd Aor non possono mancare le ballad. Da menzionare senz’altro “Without Warning” con un refrain sognante e la conclusiva “Montserrat”. Quest’ultima è una vera perla, le tastiere e la splendida voce di Steve in primo piano creano un brano da brividi. In conclusione Steve Newman colpisce ancora nel segno regalando ai suoi fans l’ennesimo capolavoro della sua splendida carriera, senza ricorrere a collaborazioni particolari, ma basandosi solo sul suo grande gusto di song writer. Non so se “Under Southern Skies” diventerà un classico del rock melodico, ma di sicuro è un cd eccellente.

 

Fabrizio Tasso