CONDIVIDI

POMPEI NIGHTS

Rather Die Than Living In Boundaries

Street Symphonies Records

 

Quando il rock sposa il glam è sempre più frequente imbattersi in boy band come questa. Gli svedesi POMPEI NIGHTS, con un nome che rievoca i fasti della vecchia città campana, belli, muscolosi, giovani, griffati, col capello lungo che non si muove nemmeno dovesse arrivare la bora a momenti, riga sotto l’occhio di rigore, insomma dal fashion look curato e con tanti luccichini, lanciano sul mercato il loro atteso debut album, RATHER DIE THAN LIVING IN BOUNDARIES, fatto precedere alcuni mesi fa dall’uscita di un mini EP contenente due songs, “Midnight Mistress” (ottimo il video dal forte impatto visivo) e “I want it”. Dieci tracce di rock anni ’80 lineare, senza sconvolgimenti, da non strapparsi i capelli insomma, trattasi del classico rock copiato dai soliti mostri sacri, un rock trito e ritrito, ma con una particolarità: è fatto davvero bene. Le catchy melodie di tutti i brani ne garantiscono un ascolto leggero e piacevole, per neofiti o per coloro che non ricercano la similitudine ad ogni costo. Gli armonici con predominio delle due chitarre, risultano essere in sintonia con la voce da “maschio” del giovane Joey Eden, il quale riesce a diffondere nell’aria non poca emozione. Le canzoni scorrono via una dopo l’altra, alcune più rock altre più pop, mantenendo il tono alto fino alla chiusura finale, affidata a una ballad di spessore a coronamento di un lavoro dignitoso. Che dire, l’attesa è stata sicuramente soddisfatta, soprattutto in patria, dove immaginiamo una strage di cuori nelle giovani fan, va da sé che questi cattivi / bravi ragazzi ci sappiano fare, il primo livello è stato superato, per passare allo step successivo la personalizzazione è di rigore. Shiny glittering happy sound to everybody ! Line-up: Joey Eden_voce; Matt Cosby_chitarra; Olly Cox_chitarra; Rob Cold_basso; Devlin_batteria. Link: www.myspace.com/pompeinights

 

Margherita Simonetti