CONDIVIDI

ROYAL HUNT

Show me how to live

Frontiers Records - 2011

 

André Andersen è un musicista con la emme maiuscola. Oltre a saper suonare tutti gli strumenti (qualità che ho sempre apprezzato in qualsiasi artista), oltre a saper comporre ottima musica, ha fondato i Royal Hunt nel lontano 1989 in Danimarca ed è riuscito a costruirsi una carriera e una popolarità di tutto rispetto. Ed è proprio dei Royal Hunt che mi vado ad occupare oggi con l'uscita del nuovo lavoro che segna il ritorno del membro originario DC Cooper in veste cantante. Questo graditissimo come back mi entusiasma parecchio semplicemente perché, nella discografia della band, i cd che ho più apprezzato sono proprio quelli con Cooper. Non che chi l'abbia sostituito non sia stato all'altezza, tutt'altro, anche perché John West e Mark Boals non hanno bisogno di presentazioni.

Ci troviamo di fronte ad una delle band che grazie alla lunga discografia è stata inserita dalla stampa tra le band rappresentative del genere ed anche in questo lavoro Andersen non ci delude affatto. La voce di DC, a tratti calda e profonda per poi tornare alta e potente riesce a donare alle canzoni quel quid che le ricollega al primo periodo della band. L'album in questione si compone di solo sette brani di durata mediamente intorno ai cinque minuti l'una ad eccezione dell'omonima canzone che supera i dieci minuti, tutto sommato un pacchetto bello corposo che in nulla si distanzia da quel metal melodico progressive e sinfonico che i Royal Hunt sanno fare. “Show Me How To Live” è forse il brano meglio riuscito dell'intero album che racchiude in sé tutte le qualità e caratteristiche della band e dell'album in questione: parti melodiche, un chorus semplice e diretto, una parte centrale strumentale con chitarre e tastiere che si alternano però più rivolte alla melodia e non -come spesso accade- alla velocità d'esecuzione. Un album che si parcheggerà nel mio lettore per diverso tempo, lo so già. Ben tornati Royal Hunt ma soprattutto ben tornato DC!!

 

 

 

Recensione di Andrea Lami