CONDIVIDI

THE COMPULSIONS

Beat The Devil

I-tunes - 2011

 

Avevo molta curiosità ed aspettative molto alte, quando ho comprato questo cd da “I-tunes”. E’ mesi che tale nome mi è entrato in circolo, visto che nella band newyorkese militano due attuali Guns N’Roses (band per me intoccabile e sacra, quasi come il vitello in India): Richard Fortus alla chitarra e Frank Ferrer alla batteria. Non bastasse, già la loro presenza, mesi fa, guardando i loro videos su Youtube, noto al basso un altro mio idolo: Sami Yaffa, bassista degli Hanoi Rocks e Michael Monroe. Il leader della band resta pero’ Mr Rob Carlysle che, informa nelle varie note promozionali destinate alla stampa, che la band nel corso degli anni ha subito svariati cambi di formazione e comunque questo non è il primo lavoro ufficiale della band, visto che ha pubblicato svariati EP prima. Una band che riscuote molto successo nei college americani, arrivando addirittura a volte ad essere piu’ programmata nelle varie radio universitarie piu’ dei Metallica o di Beck. Classic Rock, l’ha definita la “band piu’figa al mondo”. Probabilmente, non sarà cosi’, ma è un disco di onestissimo rock n’roll old style. I maestri della band sicuramente sono The Rolling Stones, Ac-dc, Guns N’Roses, The Black Crowes, Free, Blackfoot e diversi altri. Dieci pezzi torridi e caldi come un maglione di lana che ti scaldano in questo freddo autunno. Nulla di nuovo come sonorità ma è impressionante la maestria con cui suonano. Fortus, per molti è il chitarrista piu’bravo degli attuali Guns N’Roses e ascoltandolo qui, finalmente puoi capire il suo valore assoluto. I suoi assoli son lunghi, magistrali, suonati perfettamente. Posso citare come esempi “Hired gun” o “Yer too good to me”. Un pezzo molto punkeggiante è invece “Eat my dust”, molto adatto a poghi selvaggi, con la sezione ritmica Yaffa e Ferrer indiavolatissima. Neanche un minuto di durata, ma violenta goduria sonora. “Ea$y Money” è una ballata psichedelica e ipnotica, che non avrebbe sfigurato nel repertorio di Lou Reed o altri visionari. I territori tanto cari a gente quali i Georgia Satellites o Izzy Stradlin vengono omaggiati con “Ya never got me down”, uno dei miei pezzi preferiti dell’album. Vabbé, sarò ripetitivo, ma che Fortus!!! Un pezzo che non c’entra nulla con tutto è “She’s so fuckin’ sexy” (vabbé loro da educati l’han scritto con gli apostrofini, io che son cafone, lo scrivo come si deve scrivere). Forse solo un episodio, per divertirsi in studio. Mi piace l’esecuzione ma non mi fa impazzire il risultato. Si ritorna fortunatamente al rock n’roll con “I was right, you were wrong”, un mid tempo molto Aerosmithiano che ti prende dall' inizio alla fine, ti fa venire voglia di tracannarti un po’ di sano whisky. Chiude il disco una bella canzone old style “Shut yer hole”, che vede la presenza del chitarrista degli Howling Wolf, Hubert Sumline, che fa tra l’altro un assolo davvero tosto. Se volete comprare da I-tunes, un cd d’ottima musica, senza troppi grilli per la testa e complicazioni sonore, questo lavoro, fa per voi.

 

MauRnrPirate