CONDIVIDI

THE CROCS

…And The Cradle Will Croc

Autoproduzione

 

Direttamente da Rho, i milanesi THE CROCS giungono alla pubblicazione del loro secondo EP, fatto di 7 pezzi di rock alternativo che nella nostra penisola sta impazzando, un rock sporco, mixato al pop e al classic per originare un sound semplice ma di sicuro impatto emotivo, che potrebbe sembrare un po’ esterofilo ma in realtà non lo è, anzi è fatto in casa. Insieme dall’anno 2010, la giovane band, attiva soprattutto nei live, sottolinea quell’affiatamento dettato appunto dalla gavetta fatta on the road, quindi decisamente sudata. Il disco apre con un brano in assoluto stile pop rock lineare, “I wanna trust in Santa”, dove gli armonici sono bilanciati e la voce leggermente una nota sopra. Il secondo, “This world”, riscontra un bel riff canticchiabile; “Bring me down” richiama il Brith Pop anni ’90 di successo estremo in ogni dove, cui segue una “Living on danger” più sparata rock dove la voce si esercita in virtuosismi interessanti; “All Alone” rievoca un pop rock di facile presa, super carina, sì, ci piace. La chiusura è affidata a “Possession” e a “1990 eternal”: la prima lenta e molto sexy glam, la seconda più ricca di potenza con solo di chitarra in rilievo su una voce maggiormente grezza rispetto a prima, come il buon rock tirato richiede. Diciamo che nell’insieme il dischetto ci porge effetti differenti, ma accontenta un po’ tutti, quindi va bene. Un po’ più di pronuncia “all’inglese” non guasterebbe, ma è un’inezia, si sa, nulla è impossibile. Per tutto ciò: sempre e solo Rock on. Line-up: Antonio Calanna_voce, Federico Radici_chitarra, Alessio Vitale_basso, Dave Crocs_batteria. Link: www.myspace.com/thecrocs ; www.thecrocs.it

 

Tracks list:

I wanna trust in Santa

This world

Bring me down

Living on danger

All Alone

Possession

1990 eternal

 

Recensione di Margherita Simonetti