CONDIVIDI

1 agosto 2016

Recensione THE RUMJACKS - "Sleepin’ Rough"

Rating 4/5
Rating 4/5
THE RUMJACKS

Sleepin’ Rough

FOUR || FOUR

Release: 5 Agosto 2016

 

 

Quando si prende la decisione di abbracciare un genere musicale ben definito come l’Irish-punk/folk il rischio è di scimmiottare o addirittura diventare la copia dei gruppi che hanno aperto il filone; la bravura di una band è avere la capacità di rendersi originale e riconoscibile restando fedele ai suoni del genere ed attingendo in modo sapiente dalla tradizione. Bene, i THE RUMJACKS ci sono riusciti, originari della terra dei canguri (Sydney) ma con origini Irlandesi arrivano al terzo album con alle spalle tour mondiali insieme a grandi nomi ed ottime recensioni per i precedenti lavori.

 

Sleepin’ Rough” registrato nei Bomba Studios nella regione Victoria, è un contenitore pieno di belle canzoni che spaziano dal punk al folk e tracce che mischiano i due generi. Il folk è evidente in “Murder Shanty” e “‘Eight Beers’ McGee” , le radici punk esplodono in “Fact’ry Jack”, davvero un bel pezzo. Il lavoro è stato anticipato dal singolo “A Fistful O’ Roses”, un bel mix tra tradizione e "spirit of ’77” completo di video che denuncia la politica locale atta a limitare la vita dei pub di Sidney, dove il quintetto è nato e dove ha mosso i primi passi. Da segnalare “Kathleen” una ballata dai toni in levare (quasi Ska) che ti costringe a muovere la gambetta a ritmo mentre la ascolti, magari seduto in ufficio, toccasana per l’umore. Struggente “Them Fallen” da cantare abbracciati ad amici ed amiche e con una Guinness in mano. Insomma un piacevole mix che colpisce nel segno.

 

Cercateli in tour, meritano di essere visti sul palco. L’amicizia, le pinte di birra bevute in compagnia e la giusta protesta sono gli argomenti dei loro testi. Il paragone con nomi come Dropkick Murphys viene facile ma i nostri di Sidney la loro identità sembrano averla trovata. Ultima curiosità, il pezzo “Zielona Gora”, nome di una cittadina della Polonia a cui dedichi una canzone solo se ci sei passato e se “qualcosa” è successo. Disponibile dal 5 agosto su FOUR II FOUR per l’Europa. 

 

 

Luca Casella

 

 

Tracklist: 

01 Patron Saint o' thieves

02 Zielona Gora

03 A Fistful O' Roses

04 Fact'ry Jack

05 'Eight Beers' McGee

06 Murder Shanty

07 Les Darcy

08 Dead To Me

09 WKND (flash new breeks)

10 Kathleen

11 Them Fallen

12 The Pot & Kettle

 

Line Up:

Frankie McLaughlin: Vocals, tin whistle, guitar

Johnny McKelvey: Bass, vocals

Anthony Matters: Drums, vocals

Gabriel Whitbourne: Guitars, vocals

Adam Kenny: Mandolin, banjo, bouzouki, bodhran, acoustic guitar, vocals

 

Link:

www.therumjacks.com

www.facebook.com/TheRumjacks

twitter.com/Rumjacks

www.youtube.com/user/therumjacks

www.instagram.com/therumjacks