CONDIVIDI

Sito segnalato da Freeonline.it - La guida alle risorse gratuite

URIAH HEEP

Live in Armenia

Frontiers Records - 2011

 

 

La storia degli Uriah Heep ve l'ho già brevemente raccontata ad aprile, complice l'uscita di “Into The Wild”, ma eccoci di nuovo a parlare della band per merito di questo doppio cd live + dvd. Nell'ottobre del 2009 la band ha festeggiato il quarantesimo anniversario dando alle stampe “Celebration”, album contenente 12 tra i più grandi successi più due brani nuovi di zecca, a supporto di quest’ultima fatica, suonarono per oltre 250 show (tra Europa, Australia, Giappone ed America) davanti a 150.000 persone, dando forza a quello che è sempre stato il loro motto: “If the people cannot come to see and hear Heep music, we will take it to them”. E sono proprio quei classici a far parte sia della track list di “Celebration” che di questo live, brani come “Stealin'”, Gyspy”, “Look at Yourself” o “July Morning”, “Easy Livin'”, “Sunrise” e “Lady in Black” rappresentano perfettamente il passato ed il presente della band. La formazione è rimasta invariata dal 2007, segno di un ritrovato equilibrio. Io considero gli Uriah Heep una sorta di Deep Purple minori, anzi a dirla tutta possono essere i Deep Purple in negativo: entrambe le band ruotavano intorno alle personalità ed all'immenso talento dei chitarristi, solo che i secondi, una volta perso Blackmore, sono stati capaci di mantenersi ad un certo livello -merito anche dei valore degli altri musicisti coinvolti nel progetto-, mentre i primi hanno perso tutti gli elementi, escluso proprio Mick Box. Il paragone è solo musicale, vista sia la vicinanza di genere musicale proposto, gli anni in cui le band si sono formate e soprattutto tenuto presente che entrambi hanno scritto pagine e pagine di storia della musica che vengon -appunto- qui celebrate con un doppio live di pregevole fattura e qualità.

 

 

Recensione di Andrea Lami