CONDIVIDI

YELLOWCARD

When You're Through Thinking, Say Yes (Acoustic)

Hopeless Records - 2011

 

 

A pochi mesi dall'uscita di “When You're Through Thinking, Say Yes” per la Hopeless Records, gli americani Yellowcard ci propongono la versione acustica dei brani contenuti in questo disco. Un una band che da sempre regala ottimi album e tra i più riusciti si ricordano “Ocean Aveue” (2003), “Lights And Sounds” (2006) e il precedente “Paper Walls” uscito nel 2007. Una pausa di quattro anni per il quintetto della Florida (nato più precisamente a Jacksonville nel 1997), e composto dal frontman Ryan Key, Sean Mackin al violino, Ryan Mendez alla chitarra, Sean O'Donnel al basso e Longineu W. Parsons III alla batteria, che spogliandosi del genere melodic-hardcore si è ben rivestito di un sound più alternative in occasione del presente “When You're Trough Thinking, Say Yes” (uscito con “la prima” lo scorso Marzo), pur mantenendo l'original punk-rock ben accompagnato da gradite e colorate tinte pop. Le dieci tracce di questa “opera unplugged” non perdono assolutamente armonia e freschezza ben supportate inoltre dal violino, basta poggiare le orecchie alle note dell'opener “For You, And Your Denial” e la successiva “The Sound Of You And Me” per apprezzare l'aggraziata briosità dello strumento di Sean. Doveroso sottolineare l'indispensabile apporto delle chitarre e “With You Around” si presta alle stesse con effetto immediato proseguendo tale e piacevole compito con “Hang You Up” e “Life Of Leaving Home”, in breve, l'accoppiata violino/sei corde è vincente quanto essenziale. E' bello e magico quando un brano riesce a mantenere buoni livelli come nel caso di “Hide”, in veste di acoustic ballad nel cd in questione e ben più veloce nella versione originale, ma vi assicuro che il risultato rimane ottimo e visto che siamo in tema di sweet songs colgo l'occasione per menzionare “Sing For Me”, delicatezza bissata con grande savoir-faire. Carinissimo l'arpeggio nelle strofe di “Soundtrack” che ricorda lo stile più funny dei Sum 41, traccia che trasmette lieta spensieratezza per poi arrivare al coinvolgente abbraccio di “See Me Smiling” e alla conclusiva “Be The Young”, garbata melodia ad impreziosire un cd speciale anche in versione acustica e che si lascia ascoltare tutto d'un fiato. Dulcis in fundo mi piacerebbe menzionare almeno quattro delle ottime tracce non incluse negli album della band: “Gifts And Curses” figlia della colonna sonora di Spider Man 2, le cover dei Nirvana “All Apologies” e “Dumb” e quella dei Simple Minds “Don't You Forget About Me”, un vero peccato non averle inserite in qualità di bonus lungo il percorso discografico di Ryan e compagni. Sito web: www.yellowcardrock.com

 

Recensione di Francesco Cacciatore