CONDIVIDI

YES

Fly From Here

Frontiers Records - 2011

 

Avevo all’incirca undici o dodici anni quando ricevetti in regalo da mio zio un mangianastri (o registratore a cassette, come preferite) e grazie ad un cavetto da collegare alla radio (per lungo tempo ho ritenuto fosse magico), iniziai a fare le mie prime rudimentali compilation, niente di professionale ovviamente, però mi consentiva di avere sempre a disposizione tutte le mie canzoni preferite, fantastico. Uno dei primi pezzi che registrai era “Owner of a lonely heart” di un gruppo chiamato Yes, che scoprii solo in seguito, essere tra i maggiori esponenti del rock sinfonico progressivo mondiale. Potete comprendere la mia emozione e il mio stupore quando mi è stato chiesto di recensire il disco, che segna il ritorno in studio, dopo dieci anni di silenzio, di uno dei gruppi che ha maggiormente influenzato le mie scelte musicali in gioventù. Il nuovo lavoro “Fly From Here” ci riporta agli anni settanta e ottanta e la scelta per la produzione di Trevor Horn (Tina Turner, Paul Mc Cartney, Seal, Genesis), ci fa intuire che la direzione è per qualcosa di più melodico e pop, di più “commerciale”. L’inizio del disco è nel classico stile Yes, un overture semplice e piacevole introduce alla suite, divisa in sei sezioni del brano “Fly From Here”. L’andatura è leggera dal punto di vista compositivo (siamo di fronte a dei maestri quando si tratta di semplificare l’armonizzazione dei pezzi, aumentandone la melodia), e la voce del nuovo arrivato David Benoìt risulta chiara e di facile ascolto, certo non è Jon Anderson ma si adatta perfettamente alle composizioni e ai canoni attuali della band. Una chicca come “The Man You Always Wanted Me To Be” troverà sicuramente il suo posto tra i migliori brani del gruppo. Nel complesso l’album soddisferà tutti coloro che si aspettavano composizioni marchiate Yes, dal sound sinfonico e caratterizzato dai classici riff “heavy”, tipici del gruppo londinese. Non vi farà saltare dalla sedia, ma è sicuramente da ascoltare.

 

Recensione di Emiliano Vallarino