CONDIVIDI

 

CJ RAMONE feat DANIEL REY

 

KEPI GHOULIE+THE MANGES +THE LEECHES

 

 

Amigdala Theatre Trezzo Sull'Adda 21 Aprile 2011

 

 

Report e foto a cura di Luca Casella

 

 

I RAMONES non moriranno mai, sono vivi e vegeti nei nostri cuori e finchè ci sarà qualcuno dei Ramone a diffondere il verbo potremmo godere della loro musica. Uno degli ultimi arrivati nella famiglia fa di nome CJ RAMONE; ex marine si unisce al gruppo nel 1989 e ci resterà fino al ritiro della band dalle scene. Non scriverò nulla sui RAMONES, sapete già tutto. Partiamo subito col descrivere la serata a partire dal pubblico che fa il sold-out nell'ottimo locale in quel di Trezzo, operosa cittadina al confine tra la provincia di Milano e quella di Bergamo. Abbastanza alta l'età media dei presenti, come avevo previsto, insieme a pochi giovani amanti delle sonorità Punk. Per farla breve non c'è memoria storica nella nuova generazione di pseudo-punk. Molto caldo all'interno si suda a stare fermi...partono i The Leeches dei quali ho perso il conto di quante volte li ho visti in azione, essendo nativi della brianza profonda ed alcolica. Divertenti come sempre, amati dal pubblico propongono il loro Punk sfrontato ed irriverente con ironia e tecnica, bravi. A seguire una proposta acustica di Kepi Ghoulie cantante e fondatore dei Groovie Ghoulies gruppo Pop-Punk anni 90 che incidevano per la mitica Lookout Records (Green Day). A dire il vero non è che mi abbia entusiasmato più di tanto, comunque le canzoni sono carine ed orecchiabili e sotto il palco apprezzano, anche se un buona parte della gente era fuori a fumare.... Accidenti ai THE MANGES! Porca zozza se spaccano, avranno fatto 20 canzoni in 30 minuti, 1.2.3.4. tre accordi e via, punk alla Ramones di ottima fattura, tirato, veloce, senza fronzoli, per me e solo per me, visto che li conoscevano tutti in sala... una vera gradita sorpresa!

Dopo un pochino di attesa finalmente eccoci al dunque. CJ RAMONE, DANIEL REY il giovane batterista che li accompagna in questo tour salgono sul palco, CJ palestrato ed in perfetta forma, Daniel con un po di pancetta (di Danile Rey abbiamo recensito il suo ultimo lavoro con i The MARTINETS sulle colonne di RRM). Si parte! Subito ci propongono un mix dei primi successi dei Ramones da “Blitzkrieg Pop” a “Judy is a Punk” da “Sheena is a Punk-rocker a I wanna be sedated” per passare a le più "recenti" come “Wart Hog” e "Poison Heart" scritta da Dee Dee Ramone e Daniel Rey. Il numeroso pubblico applaude, canta in coro le canzoni, poga, fa stage-diving anche in maniera rovinosa, insomma davvero un bel concerto che si conclude con il bis e le ultime due canzoni, " Do you wanna Dance" cover di Bobby Freeman e la fantastica R.A.M.O.N.E.S. dei "MotorHead". Felice di esserci stato. Lunga vita ai RAMONES!! Un saluto a tutti gli amici incontrati da Paolo a Raffa dal Veneto con furore e cresta, dal mitico Faulisi al Metius dei "Thee S.T.P." e Matteo che, con mia somma invidia...sì andra a vedere i Social Distortion a Berlino.