CONDIVIDI

 

LYNCH MOB

 

Silver Dirt +Markonee+Midnite Sun

 

Rock N Roll Arena Romagnano Sesia (NO) 13 novembre 2010

 

Report e foto a cura di Fabrizio Tasso

 

 

Aspettavo con ansia questa data dei Lynch Mob!! Dopo aver assistito alla performance di George Lynch lo scorso Maggio all'ultimate guitar exhibition a Bologna, mi ero ripromesso di assistere a qualsiasi data avesse portato il nostro guitar hero in Italia. L'occasione è finalmente arrivata!! Il luogo dove si svolge la prima delle due date in Italia è la Rock N Roll Arena di Romagnano Sesia. Non ero mai stato in questo locale ma devo dire che è proprio bello, il palco ha buone dimensioni e l'acustica è ottima!

 

 

Ore 21:10 salgono sul palco i Midnite Sun, combo italico con all'attivo il cd Groovin Sexplosion. La band dimostra subito di essere in palla e di saper tenere molto bene il palco, i ragazzi hanno aperto per alcuni grandi nomi come U.D.O. e Ian Paice e nel breve tempo a loro disposizione ce la mettono tutta per scaldare la platea (riuscendoci alla grande a mio modesto parere).Vengono proposti i pezzi del loro nuovo cd in uscita a breve, Liars dal loro primo lavoro più la cover di The Look dei Roxette metallizzata alla grande!! Buona prestazione della band e menzione particolare per il singer Enrico, che possiede davvero una voce pulita e potente.

 

Salutati i Midnite Sun è tempo di occupare il palco per i Markonee. La band bolognese negli ultimi anni è riuscita a riscuotere un gran bel successo sia in Italia che all'estero. I vari tour in giro per l'Europa per supportare il loro ultimo lavoro “See The Thunder” e le varie serate da opening act per molti gruppi esteri (Talisman-Gotthard-Winger e molti altri) hanno giovato decisamente alla loro esperienza live. Si parte alla grande con Way 2 Go, Back To Me e Brand New Day, Gabriele Gozzi non si risparmia e gli altri non sono da meno. Questi cinque ragazzi hanno una tale carica dal vivo che è impossibile rimanere indifferenti al loro Rock N Roll !!! Dopo la cover di Dirty White Boy dei Foreigner (eseguita alla grande) vengono proposte ancora una manciata di songs dal loro ultimo cd e Markonee, canzone dotata di un ritornello semplice semplice ma di presa immediata che viene cantata da tutto il pubblico. Ancora un paio di pezzi e il loro concerto si chiude. Vengono eseguite The Big K e The Cross Between The Lines due dei migliori pezzi contenuti in See The Thunder. Prestazione ottima, presenza scenica al top grazie anche alle pose di Stefano Peresson e compagni veri “animali” da palco.

 

La novità della serata sono gli svizzeri Silver Dirt che sostituiscono gli svedesi Bad Mouth. I 3 ragazzi più una ragazza (al basso), possono vantare due album in carriera e più di cento date in patria (fonte: loro sito web). Il genere proposto è uno street / glam che strizza l'occhio ad Aerosmith, AC/DC e Poison (o almeno ci prova). Per dirla tutta (la verità) le canzoni mi sono sembrate prive di mordente, non che fossero brutte, ma lasciano con quel gusto di già sentito. In più nel momento in cui dovrebbero decollare, si perdono non possedendo un requisito fondamentale: un chorus orecchiabile. Se aggiungiamo poi che la presenza scenica è stata praticamente nulla (ogni tanto il chitarrista e la bassista si affiancavano al centro del palco), la frittata è fatta.

 

Fortunatamente a questo calo di tensione rimediano i Lynch Mob. Bastano i primi tre accordi di She's Evil But She's Mine per riaccendere il fuoco che si era affievolito tra il pubblico. George Lynch è un mostro sacro della musica , vederlo nelle sue pose e osservare il suo modo di suonare unico è una manna per tutti gli amanti della buona musica. Vengono eseguite senza sosta River Of Love e Hell Child dal primo album Wicked Sensation ed è spettacolo!! Oni Logan è un gran cantante ed instaura subita uno stretto contatto col pubblico presente. Robbie Crane (basso) e Brian Tichy (batteria) sono una sezione ritmica da paura, specialmente quest'ultimo ha davvero una potenza devastante (avrà spaccato una decina di bacchette e alla fine di ogni pezzo doveva riassestare la batteria per evitare che andasse a pezzi). Dopo questo amarcord di pezzi targati 1990 vengono proposti Revolution HeroLet The Music Be The Master dall'ultimo Smoke and Mirrors. Il protagonista della serata è senz'altro George!! Preso il microfono prova a raccontarci una storiella divertente sulla band e una loro esperienza particolare fatta di viaggi nel deserto, incontri con sciamani e visioni di animali guida! L'unico problema è che non sapremo mai come è andata a finire la dato che Lynch era abbastanza alticcio e il finale se l'è scordato!! Risate generali ed il concerto ricomincia.

Arriviamo verso la fine dello show ed è tempo per i classici che hanno reso famosi i Dokken!! Prima è il turno della famosissima Mr. Scary, song strumentale dove Lynch esalta il pubblico con il suo stile fatto di tecnica sopraffina e originalità!! Simpatico il siparietto con Brian Tichy che prolunga la chiusura del pezzo di vari minuti facendo ridere tutti. Poi è la volta di Tooth And Nail e Into The Fire due grandi canzoni rese ancora alla perfezione grazie al grande affiatamento dei membri della band. Si arriva ai saluti finali ma non prima che sia suonata Wicked Sensation singolo trainante del loro primo omonimo album! Tra deliri alcolici (mi sa che Lynch non è stato l'unico ad apprezzare il vino italiano) e divagazioni strumentali, si chiude il concerto in una apoteosi di applausi.

Certo, non sarà stato lo show dell'anno, ma ci siamo veramente divertiti. Dopotutto l'importante in un concerto sono le sensazioni che la band trasmette al pubblico più che la tecnica fine a se stessa. Dal canto loro i Lynch Mob ci hanno catapultato in un concerto figlio degli anni 80. Selvaggio, alcoolico e sopratutto Rock N Roll.

 

 

Tracks List Midnite Sun

01 Lost

02 Unbreakable

03 Inferno

04 Cannibal Love

05 Liars

06 The Look ( Roxette Cover)

 

Tracks List Markonee

01 Way To Go

02 Back To Me

03 Brand New Day

04 Dirty White Boy ( Foreigner Cover)

05 Women and Whisky

06 See The Thunder

07 Markonee

08 The Big K

09 The Cross Between The Lines

 

Tracks List Silver Dirt

01 Wasted Dream

02 Spread Your Wings

03 Somebody

04 She's Got

05 Place In The Sun

06 About R n R

07 Action

08 Here They Come

09 Go !

 

Tracks List Lynch Mob

01 She's Evil But She's Mine

02 River Of Love

03 Hell Child

04 Revolution Hero

05 Let The Music Be The Master

06 21 Century Man

07 All I Want

08 We Will Remain

09 Mr. Scary

10 Tooth And Nail

11 Into The Fire

12 Wicked Sensation

Pubblicato il 15 novembre 2010