CONDIVIDI

 

GET RHYTHM 6

 

Il festival internazionale di musica Rockabilly

 

 

Live Club di Trezzo D'Adda - 26 Marzo 2011

 

Articolo a cura di Luca Casella

 

Versione in italiano. (below english translation)

"Get Rhythm" cantava Johnny Cash nel 1956, una canzone che parla di ottimismo di "spendere" almeno una parte della tua vita in passioni che ti appagano e ti fanno evadere dalla realtà. Azzecatissimo nome per il più importante weekend dedicato alla Musica e cultura Rockabilly in Italia. Organizzato da due pazzi che fanno di nome Dennis e Mauro, da ben 6 anni il GET RHYTHM raduna nella cornice del Live di Trezzo D'Adda, amanti, cultori, appassionati, e semplici curiosi del mondo Rockabilly. Nato come genere musicale che unisce il Rock'n'Roll all' Hillybilly si è trasformato nel corso dei decenni in un vero e proprio movimento che lega migliaia di persone in tutto il mondo. Ho vissuto personalmente tra la fine degli anni '70 ed inizio anni '80 il "revival anni '50" che ha interessato anche l'Italia per poi consolidarsi in una ristretta cerchia di uomini e donne che ha continuato a "vivere" questa passione e che abbiamo ritrovato durante questi tre giorni. Organizzato molto bene con un accurata scelta della proposta musicale a partire dai DJ fino ai gruppi che hanno solcato il palco per dare spazio a tutti i "micro generi" che compongono l'ampio ventaglio che racchiude il suono nato negli USA a fine anni cinquanta. Dal Rockabilly classico al Rhythm&Blues al Neo-Rockabilly tutte le sfumature sono state "cibo per le nostre orecchie".

Il lungo weekend si estendeva su tre serate dal 25 al 27 Marzo. La prima più "intima" prevedeva un pre-party all'Amigdala Theathre sempre in quel di Trezzo D'adda , ottimo locale dove si sono dati appuntamento gli organizzatori più tutti gli ospiti per una serata di benvenuto. Il Big Deal era sabato 26 al Live Club, locale molto capiente che, anche quest'anno, si è interamente riempito di gonne a ruota, tubini 3/4, pettinature cotonate, fazzolletti al collo, fiori tra i capelli, jeans con risvolto, camicie a quadri, ciuffi impomatati (chi poteva...) e cappelli Fedora. La prima impressione appena entrati è stata di una grande passione, vissuta, cercata, creata, da tutti i presenti. Molto Fifties e American-oriented il nuovo corso di questo modo di vivere al contrario di quello importato in Italia dalla Gran Bretagna a fine anni '70 dove prevaleva lo stile Teddy-Boy con Giacche stile epoca Edoardiana pantaloni a sigaretta corti per far vedere i calzini colorati e Crepper dalla suola alta ed influenzato anche dal Punk . Adesso vediamo decisamente uno spostamento sullo stile alla "American Graffiti" fino ad arrivare ad influenze fine anni quaranta nei pantaloni larghi ed a vita alta indossati sia dagli Uomini che dalle Girls. Comunque tutte le tendenze eran ben presenti. Passione, dicevo prima, vera, che porta a radunare quasi mille anime sotto lo stesso tetto per gustarsi la musica, fare un giro tra gli Stands che espongono dai vestiti in tema, vinili, CD e per ammirare le splendide Auto d'epoca presenti nel giardino esterno, radunate con l'aiuto della rivista "Cruisin". E' stata la prima volta per noi di Rock Rebel Magazine e penso che non sarà l'ultima perchè l'atmosfera che si respirava era davvero bella, eravamo contenti di essere presenti. La giornata è iniziata appena dopo l'ora di pranzo ed è durata fino a quasi il sorgere del sole del giorno dopo. Coppie affiatate hanno dato libero sfogo alla loro voglia di ballare e tutte le Band che si sono alternate sul Palco sono state applaudite dando prova di un ottimo talento.

 La terza e conclusiva giornata del festival vedeva come momento principale la premiazione delle auto che hanno presenziato all'evento ed un buon concerto di Neo-Rocakbilly. Possiamo dire che più che altro Domenica c'erano gli "irriducibili", lo zoccolo duro di questo splendido modo di vivere. La premiazione si è svolta sul Palco interno capitanata dal mitico Clivio di "Cruisin" che ha consegnato i premi e distribuito magliette a chi, nonostante le minacciose nubi, a tenuto duro ed è rimasto presente con la propria amata vettura. Non possiamo che ringraziare gli organizzatori per l'ospitalità riservataci e per la perfetta riuscita del tutto. Ringrazio anche tutti gli Amici presenti con cui abbiamo scambiato pareri ed ammirato ciò che Noi della "vecchia guardia" da Adolescenti potevamo solo sognare.

Gustatevi le foto fatte dai nostri favolosi fotografi Francesco Prandoni e Yuri Vazzola durante i tre giorni a fatevi un idea di cosa vi siete persi! Vi diamo appuntamento al prossimo anno e concludo citando uno scambio di battute che ho avuto con Dennis: "Allora Dennis come è andata '?" " E' andata benissimo ! " e questo dice tutto. Rock'n'Roll is still alive !! e aggiungerei..Rockabilly Rules !  

 

English Version

"Get Rhythm!", was used to sing Johnny Cash in 1956, a song that talks about the need for spending at least a part of your own life pursuing the passions which make you feel complete and let you escape from your ordinary world. A well fit monicker for the most important Italian week-end Festival of the Rockabilly Culture in our country. Planned and managed by two mad guys, Dennis and Mauro, long since 6 years GET RHYTHM FESTIVAL gathers fans, people full of passion or simply persons with the curiosity for the Rockabilly world at the Live Club in Trezzo d'Adda (Milan county). Born as a music genre mixing Rock'n'Roll and Hillybilly traditional music, it has developed throughout decades in a real sub-culture or, if you prefer, an artistic movement that links thousands of people all around the world. I lived directly the revival of '50s, between the late '70s and the early '80s, which involved even Italy and later became a narrow group of men and women who still kept alive that passion , same people whom we have met just in these three days. The event has been worked out in a very good way, with an excellent choice for the music proposal, from the DJ-set bill to the bands for the live shows, in order to offer the widest range of sub-genres that belong to the sound born in U.S.A. at the end of '50s: from Rockabilly classic style to Rhythm&Blues, 'till the New-Rockabilly Wave, every single way of this genre has been food for our ears.

This long week-end last for three nights, from 25th to 27th of the month of March. The first night, the most 'confidential', you could have seen the warm-up party at the Amigdala Theatre (that one in Trezzo d'Adda too), a wonderful club where it happened the Welcome Party with the managers of the event and the special guests to spend a night with the audience of Festival. Big Deal was on Saturday 26th, at Live Club, a very roomy place, even this year with many full-skirts, ¾ sheaths, backcombed hair, neckerchiefs, flowers in the hair, cuffed jeans, checked shirts, greased forelocks (for those who have it...) and Fedora hats. The first scene you could see, just come in, was one of a great passion that people inside the club were living, searching, creating. The New Wave of that Lifestyle is very '50s and American-oriented, unlike the Teddy-Boy style imported from Great Britain in Italy at the end of '70s, with Edwardian jackets, tight pants short at the ankle to show the colored socks and double-soled Crepper and Punk influenced. Now you can see a strong influence of the "American Graffiti" style and then the mark of '40s with large and high-waisted pants, worn by Boys and Girls. There was, however, every single trend. It's a genuine passion, as I was saying, that leads it to gather almost 1000 persons under the same top, for enjoining music, visiting the stands that expose cloths in the line of the code-dress, LP's, CD's and to behold all the wonderful vintage cars which were parked in the outdoor garden, all gathered thanks by "Cruisin" magazine. It's the first time for Rock Rebel Magazine and we think it won't the last one, 'cause there was a very nice and involving environment and we were happy to be there. The day started barely after lunchtime and lasted until the sunrise of the next day. Couples with a great feeling unleashed their passion for dancing and all the bands who switched on stage all day long, received the applause by the audience for their own good talent.

The third and last day had as Main Event the awarding of Vintage Car Contest and the show (a real good one!) of several New-Rockabilly bands. We have to say that Sunday was the day for the die-hard fans of this amazing way of live. The awarding, lead by Clivio, the Wonder Boy from Cruisin' Magazine, happened on Indoor Stage where he dealt awards and gadgets like the t-shirts of the Event, to all the brave competitors that held on, despite the clouding and gloomy weather and stand there with their beloved cars. We must thank the organization for guesting and the remarkable success of this event. We also thank all the friends met at this Festival, with whom we talked and enjoyed what we, the Old Boys, could only dream when we were young.

Enjoy the pics shot by our fabulous photographers Francesco Prandoni and Yuri Vazzola during the Three Days and think about what you have missed! See you all next year and, last but not least, the impressions of Dennis at the end of Festival: “So Dennis, what about the Festival?” “Fucking great, it was all fucking wonderful!”. NO other words! Rock 'n' Roll is still alive !! 'Cause...Rockabilly Rules !

SPECIALE  PHOTOGALLERY

  

VENERDI' 25 - SABATO 26 - DOMENICA 27 MARZO  2011 -FOTOGRAFO: YURI VAZZOLA  

GALLERY FOTO LIVE:  Dj Jungle Jim - Dj Steve stack-o-wax- BALL AND CHAINS - LUIS AND THE WILDFIRES DOLLAR BILL -Howlin' Lou and his whip lovers!- The Rhythmm Shakers - LUIS AND THE WILDFIRES- THE BACKSEAT BOOGIE

 

GALLERY FOTO 2: PREMIAZIONE- AUTO & PEOPLE

 

SABATO 26 MARZO  2011 -  FOTOGRAFO: FRANCESCO PRANDONI

GALLERY  FOTO LIVE: VOOLA AND THE JAYHAWKS - JACK RABBIT SLIM -BALL AND CHAINS

GALLERY  FOTO 2: AUTO & PEOPLE

 

 

Nota: Interessante anche la presentazione del libro  "1944-1963 i complessi musicali italiani" Editore: Maurizio Maiotti

- Paolo Uguccioni (Paolo e i nordisti)

- Roberto DeRossi (Roby Milione e i 5 Astor)

- Marco Menna (Bill & i Krazy Boys, Baby Luna, Diabolici, Rangers di Remo Germani)

- - - - - - - - - -

Per info: Jamboree Magazine 

02 33404051

Qui trovate la programmazione completa del Festaival