CONDIVIDI

gio

31

mag

2012

Recensione GOTTHARD - Firebirth

GOTTHARD

Firebirth

Nuclear Blast Records/Warner Music

Release date: 1 Giugno 2012

 

 

"Firebirth" è il nuovo capitolo e l’anima pulsante dei Gotthard, la band svizzera che, come pochi altri è sempre stata coerente e ha saputo donare splendore alla scena hard Rock. Dopo la tragica morte dello storico cantante Steve Lee, i nostri dopo il dovuto e voluto tempo di pausa avevano due possibilità: chiudere definitivamente con i Gotthard oppure provare ad andare avanti. Hanno scelto la seconda. Si sono rimessi in “gioco” pronti a portare avanti la propria musica dando il benvenuto al nuovo cantante australiano di origini svizzere, Nic Maeder. "Firebirth" è l’ album come cita il titolo e mostra la copertina: della rinascita.

 

Sound puro, vivido ed agilmente travolgente per questo "Firebirth" prodotto nei Yellow House Studios di Lugano dal chitarrista Leo Leoni in collaborazione con Paul Leni, produttore dei primi famosissimi album, G. e Homerun. Composto da 13 tracce compatte e pulite nei suoni, è uno sfumare di suoni l'uno dentro l'altro, un mescolarsi di brani splendidamente legati da un'interpretazione melodica costante e coerente, così come la voce di Nic Maeder. L’interpretazione personale e sentita del cantante raggiunge vette espressive che bastano da sole a lasciare un segno profondo e a volte a farci ricordare il nostro Steve Lee.

 

Quando si preme play ad un disco del genere, non si può non esserne travolti. L'elemento base del suono di questo lavoro è che conquista con il suo hard rock tipico dei primi album e, canzoni come "Starlight", "Right On" e "I Can", ne sono la prova - è subito riffing diretto e deciso - roba che ti piace al primo ascolto. Poi ci sono le melodie spensierate come nella radiofonica “Yippie Aye Yay”, la voglia di salire in moto e andare in giro ascoltando questo brano è notevole. Ma non è tutto perchè questo disco seduce per il suo essere suggestivo, servendosi di suoni caldi e profondi, di racconti nostalgici, di storie di vita e di emozioni con le ballad "Remeber It’s Me", che è il singolo che ha anticipato l'uscita dell'album, l'acustica "Tell Me"...davvero stupenda, e la commovente e da dieci e lode "Where Are You", scritta da Leo Leoni e dedicata al compianto Steve.

 

Questo album non ha mai momenti di cedimento, tutti gli strumenti trovano spazi adeguati per esprimersi, in un'alternanza di proposte e suggerimenti che sono sempre caratterizzati da grande equilibrio e varietà di idee. Queste tredici canzoni sono le prove impegnative nelle quali i Gotthard danno sempre il massimo, con grande passione ed ispirazione. Questa è musica che suona seducente. "Firebirth" è un album da ascoltare appieno, lasciandosi invadere dal sound tipico della band, e abbandonandosi alle diverse sensazioni che le canzoni fanno provare. 

 

 

Recensione di AngelDevil Rock

 

Tracklist:

01. Starlight

02. Give Me Real

03. Remember It’s Me

04. Fight

05. Yippie Aye Yay

06. Tell Me

07. Shine

08. The Story Is Over

09. Right On

10. S.O.S.

11. Take It All Back

12. I Can

13.Where Are You?

 

Line up:

Nic Maeder

Leo Leoni

Marc Lynn

Hena Habegger

Freddy Scherer

 

Link: www.gotthard.com - www.facebook.com/Gotthard