CONDIVIDI

ven

15

giu

2012

Recensione LATTE + "Asociale"

LATTE +

Asociale

Autoproduzione

Data Pubblicazione: 18 Maggio 2012

 

 

Dedicato alla memoria di Beppe, amico del quartiere di Santa Maria in Empoli, da cui tutto ebbe inizio, non si può ignorare il nuovo DYI album degli scriteriati locali LATTE +. ASOCIALE esce in un periodo di crisi totale - politica, etica, istituzionale, di valori - e questa crisi la si denuncia ed evince in ogni singola canzone contenuta. Dodici pezzi inediti (più una doverosa reggae + punk bonus track di saluto all’amico) per una lezione di musica di livello, canzoni che racchiudono le passioni dei quattro bei giovanotti toscani, partendo con "Cane mangia cane", un rock'n'roll che si ispira ai favolosi fifties, per poi filare dritto con il solito - si fa per dire - buon vecchio punk rock marchio di fabbrica, il quale poco si discosta dalle sonorità sentite nel precedente "Non e' finita" (2009) ma che differisce sicuramente per la profusione di maturità artistica acquisita, con l’inserimento di ottimi giri armonici e che strizza l'occhio a quegli amori incarnati e viscerali che si chiamano Ramones, The Clash, Bob Marley and The Wailers e il reggae tutto, Elvis e il rock’n’roll americano, divinità tenute lì sul comodino a mo' di santino da baciare tutte le notti prima di andare a dormire. E ciò prende bene, scorre, senza allontanarsi troppo dal filone del punk rock che in Italia vanta un buon numero di seguaci e che è mandato avanti grazie agli sforzi delle numerose band e poco sostenuto dalle etichette. E' grazie a questo forte trasporto e alla voglia di suonare su tutto, che i talentuosi Latte+ ottengono un tale risultato, propinando un concentrato di perle di saggezza.

 

Troverete risonanze ben definite, buone schitarrate sincere, la batteria a dettare il tempo e i testi sempre diretti in primo piano, che parlano del niente ("Come piace a voi") , degli amori problematici ("Parlo male di te"), della nostra povera nazione ("L'Italia sta bruciando"), dell'immigrazione (“Verso il paradiso”), dell'inadeguatezza sociale (“Il problema sono io”), della disoccupazione (“Stati ansiogeni”), delle situazioni imbarazzanti (“Diarrea”), del non volersi uniformare alla massa (“Asociale”) e qui dentro ci si ritrova un po'. Insomma, di strada se ne è battuta da quel lontano 1997, credendoci sempre e adorando la musica eternamente e comunque. Noi questo disco ve lo consigliamo, se poi, una volta acquistato, ritenete che vi faccia schifo, ditelo direttamente a loro e mandateli a cagare. Line-up: Chicco_basso e voce; Darii_chitarra e voce; Puccio_batteria e percussioni; Seve_chitarra e voce.

Link: www.lattepiu.it ; www.facebook.com/lattepiuOfficialPage

 

 

Margherita Simonetti