CONDIVIDI

sab

30

nov

2013

LiveReport GLAM ATTACK 15TH ANNIVERSARY: SKID ROW + Dead City Ruins + Hollywood Killerz @ Audiodrome – Moncalieri (TO) - 28 Novembre 2013

Report a cura di Fabrizio Tasso

Foto di Andrea Lami

Giunge alla quindicesima edizione il Glam Attack, evento storico che da anni allieta i cuori di svariate generazioni di glam rockers. L'assoluta professionalità e la grande passione degli organizzatori, anche questa sera, hanno fatto in modo che il concerto rimanesse impresso come uno dei più memorabili ai quali abbiamo assistito. Ad iniziare dalla location, l'Audiodrome, locale ideale per questo tipo di kermesse. Passando per il personale e infine giungendo alle band che si sono esibite, tutto è stato perfetto ed estremamente coinvolgente. Per questa edizione gli headliner sono gli SKID ROW.

 

 

Primo gruppo in scaletta sono i nostrani Hollywood Killerz. Purtroppo riusciamo ad assistere solo alla parte finale del loro show. Avendoli visti svariate volte abbiamo comunque notato la grandissima carica che Harry e compagni riescono a sprigionare sul palco. Tra pezzi estratti dal loro primo lavoro (“Dead On Arrival”) e brani dal loro ultimo cd (“Still Intoxicated”, uscito quest'anno) portano a termine la loro esibizione in una escalation di applausi. Questa band rappresenta una bellissima realtà nello scenario italiano, complimenti!

 

Pochi minuti ed il turno degli australiani Dead City Ruins. Sebbene siano piuttosto sconosciuti dalle nostre parti non sono certo un gruppo di ragazzini alle prime armi. Il loro potentissimo hard rock con influenze bluesy e a tratti punk, ci investe con una violenza inaudita. Chitarre taglienti, base ritmica devastante e l'ugola killer di Jake Wiffen, ci prendono a pugni per circa 40 minuti, scatenando sani headbanging sopra e sotto il palco.

 

Davvero portentosi questi 5 ragazzi, che pur essendo senza management e senza etichetta discografica (per loro stessa ammissione) non si sono risparmiati un secondo. Ottimo show!

Ed ora la band che tutti aspettiamo: signore e signori gli Skid Row! Prima che la futile discussione si inperni sul fatto che Sebastian Bach non fa più parte della band, che quindi non è la stessa cosa e bla bla bla, bisogna dire una cosa. Johnny Solinger non avrà lo stesso carisma di Seb, ma sul palco la sua voce demolisce quella del precedente singer nello spazio di due canzoni. In più la band è davvero in palla questa sera. Dave “The Snake” Sabo, Scotti Hill e Rachel Bolan sono divini e la loro grande classe unita ad un atteggiamento scanzonato e divertente riesce a farci rivivere i bei tempi che furono.

 

La scaletta poi è incentrata sui primi due stratosferici lavori. “Big Guns”, “Makin' A Mess”, “18 & Life” insieme a “In A Darnened Room”, “Monkey Business” e “Slave To The Grind” fanno letteralmente impazzire il folto pubblico presente scatenando più volte il pogo sotto il palco. Nel concerto si dividono due anime: il pogo incredibile, vedi “Psycho Therapy” dei mai dimenticati Ramones (e che vede Rachel Bolan dietro il microfono) e la dolcezza, con una “I Remenber You” da pelle d'oca. Naturalmente c'è spazio anche per i brani estratti dal loro “United World Rebellion”, come “Kings Of Demolition” e la semi-ballad “This Is Killing Me”, che apre i bis. “Sweet Little Sister” ma soprattutto “Youth Gone Wild” (inno di una genarazione, la nostra) mettono, nella maniera migliore, la parola fine a questo Glam Attack. Non ci rimane che ringraziare con tutto il cuore la GLZ Eventi e il personale dell'Audiodrome che hanno reso possibile una serata fantastica come questa. Hard Rock Is Still Alive!!

 

Set List:

1. Let's Go

2. Big Guns

3. Makin' A Mess

4. Piece Of Me

5. 18 & Life

6. Thick Is The Skin

7. Riot Act

8. In A Darkened Room

9. Kings Of Demolition

10. Psycho Therapy (Ramones)

11. I Remenber You

12. Monkey Business

13. Slave To The Grind

bis

14. This Is Killing Me

15. Sweet Little Sister

16. Youth Gone Wild

Dead City Ruins