CONDIVIDI

Recensione WHITE WIDDOW - Crossfire

WHITE WIDDOW

Crossfire

AOR Heaven

Release date: 28 novembre 2014




Australia terra dei canguri e patria dei White widdow, band AOR al suo terzo album dal titolo “Crossfire” in uscita il 28 novembre via AOR Heaven. Questo gruppo ha dovuto fronteggiare non pochi problemi prima di far uscire questo album, dalla scomparsa prematura del batterista George Kristy al ritiro dalle scene musicali del bassista Trent Wilson. Nonostante ciò, questi ragazzi sono riusciti a rimettere insieme i pezzi, mantenere i nervi saldi e focalizzarsi su questo nuovo lavoro.



Già dalla opener “Caught in the crossfire” si sente profumo di anni ’80, dove i cori e le tastiere la fanno da padrone. “Just another night” è invece la canzone per cuori infranti e abbandonati, melodica e strappalacrime, una di quelle da cantare con quanto fiato si ha in corpo. “Dreams don’t die” è un capolavoro, ritmo tiratissimo e tastiere incantate dal tocco glam, così come in “Born to be a rebel” fino alla conclusiva “Never again”.


L’innesto dei due nuovi elementi Ben Webster al basso e Noel Tenny alla batteria ha dato i suoi frutti.“Crossfire” è un disco compatto e pieno di energia, in cui tutta la band ha dato il massimo, quasi come a voler buttarsi alle spalle le sfortune appena accadute. La performance vocale di Jules Millis è veramente buona, così come gli arrangiamenti dei singoli brani curati nel minimo particolare. Promossi a pieni voti!



Recensione a cura di Monica Manghi



Tracklist:

01. Caught In The Crossfire

02. Fly Me Away

03. Just Another Night

04. Below The Belt

05. Dreams Don’t Die

06. Too Many Tears

07. Angel

08. Born To Be A Rebel

09. Carry The Heartache

10. Never Again


Line Up:

Jules Millis – voce

Xavier Millis ­- tastiere, cori

Enzo Almanzi ­- chitarra

Ben Webster ­- basso

Noel Tenny ­- batteria


Link:

www.whitewiddow.com.au

www.facebook.com/whitewiddowaor