CONDIVIDI

gio

11

dic

2014

 

Recensione WONDERWORLD – Wonderworld

WONDERWORLD

Wonderworld

Label Key Music

Release date: 1 Ottobre 2014



Band Italo-Norvegese i Wonderworld che, con l’omonimo album, propongono un Hard Rock “nudo e crudo”, essenziale, carico di contenuti e spunti eccellenti. Una vecchia conoscenza alla voce ed al basso, italiano D.O.C. Roberto Tiranti (ex Labyrinth) che, prima di intraprendere la carriera solista con un suo album prossimo all’uscita, ha deciso di realizzare questo progetto in maniera molto “Easy going” ma ottenendo un prodotto di alto livello. Al suo fianco troviamo Tom Fossheim alle pelli e Ken “JR” Ingwersen (Evenrude, Rags, Speed, Street Legal) alla chitarra, per formare un trio esplosivo.


Un vecchio disco dello sbarco sulla luna introduce la Title Track ove lo stesso Roberto Tiranti da il benvenuto sul mondo Wonderworld, invitando ad accomodarsi ed aprire la mente al nuovo sound proposto. Un brano dai riff avvincenti e dal sapore caldo, un pochino alla The Winery Dogs. “Break The Chains” è una bel Rockettone con un basso “gommoso” a farla da padrone sulla strofa mentre Ken “JR” inizia ad “affilare” il suo plettro in un assolo breve ma ben costruito. “Surrender” è una Mid Tempo che punta molto sulla spinta vocale di Roberto Tiranti nel ritornello; “Voices” non è altro che la cover del famomissimo brano di Russ Ballard, colonna sonora di Miami Vice. Si propone fedelmente rivisitato e ripreso in chiave più incisiva e decisa per giungere alla granitica “The Sound of The World”, mobida e dura allo stesso tempo, nuovamente focalizzata sulla vocalità canora e con un simpatico duetto batteria – chitarra. Qui giungiamo ad un punto cruciale dell’album, una doppietta di Top Track eccezionali. “No One Knows” è un lento che buca l’anima ed il cuore, suono pastoso e caldissimo ed un solo da pelle d’oca, la giusta colonna sonora di un nuovo amore mentre “Every Now and Then”, viaggia con un irriverente main riff in un brano alla Richie Kotzen ma l’apoteosi la si raggiunge con il solo di chitarra dove Ken “JR” ha creato un capolavoro. “A New Life” ha un groove in stile Kashmir dei Led Zeppelin sebbene abbia una propria linea sonora che si differenzia sensibilmente. Bel sound di Gibson Les Paul, grezzo e corposo, in “Hero Without Stains” ci fa tornare alla mente le colonne sonore dei polizieschi d’importazione anni ’80. Altra perla, lasciata in chiusura, è “Kissing the Sky” , un brano che ricorda vagamente il cantato di Alanis Morrisette ma che è di una delicatezza sonora paragonabile ad un drappo di raso.



Un album di facile metabolizzazione e di immediata comprensione per via dei brani, semplici ma strutturati e curati sulle linee melodiche ed armoniche. L’impatto vocale di Roberto Tiranti sa essere dolce ed all’occorrenza graffiante mentre Ken e Tom la sanno lunga, molto lunga in fatto di tecnica e stile. Un album fortemente consigliato per chi cerca brani “completi”, suggestivi e che non richiedono “impegno” d’ascolto troppo elevato. Speriamo che il trio possa dar seguito a questo album dalle potenzialità molto spiccate.



Review by Luca MonsterLord



Tracklist

Wonderworld

Break The Chains

Surrender

Voices

The Sound of the World

No One Knows

Every Now and Then

A New Life

Hero Without Stains

Kissing The Sky


Lineup

Roberto Tiranti – Vocals and bass

Ken “JR” Ingwersen – Guitar

Tom Fossheim – Drums


Contatcs

Official WebSite

Official Facebook Page