CONDIVIDI

ven

06

feb

2015

 

Recensione STORY OF JADE – “Loony Bin”

STORY OF JADE

Loony Bin

Black Tears/Masterpiece

Release date: 30 Gennaio 2015





Ebbene si, la storia di Jade è giunta al terzo capitolo. Il gruppo toscano fa veramente le cose per bene in questo “Loony Bin”, dieci brani (+intro) intriso dall’inizio alla fine del loro horror thrash metal. Sono la pazzia, come sfondo nei testi, la lucidità, la lungimiranza e la tecnica a farla da padrone nella musica.



Riff pesanti, granitici, che si intrecciano morbosamente con le tastiere degne di un film splatter vietato ai minori. Bapho Matt ci regala una voce dalle mille sfaccettature e interpretazioni, alta, bassa, grind e chi più ne ha più ne metta. “Lonny Bin” è una macchina alla quale è stato volutamente dimenticato di montare il freno. Brani come “Room 501” o “Symphonies Of The Grave” sono l’ideale colonna sonora della sera nella quale deciderete di disfarvi del corpo del vostro vicino di casa, che da troppo tempo non rammentavate di aver dimenticato in ghiacciaia. Poi, al ritorno, comodamente seduti sulla vostra Mustang Shelby 1000, che da troppo tempo non tiravate, il riff sulfureo di “Blood Hangover”, impreziosito dalla voce di Gerre dei Tankard, porta la vostra attenzione sulle due signore in grigio con i baffi, sul bordo della strada, che la domenica mattina alle sette suonano alla vostra porta per ricordarvi che la fine del mondo è vicina. In effetti per loro lo è davvero. Insomma, non è l’album da ascoltare alla comunione del figlio del cugino di vostro zio, ma piuttosto alla veglia. Ampio spazio anche ad altre collaborazioni, oltre al già citato Gerre dei Tankard, troviamo Antonio Aiazzi dei Litfiba alle tastiere su “Psychosis In A Box” e Steva dei Deathless legacy. Il tutto tirato a lucido dall’eccellente lavoro di mixaggio, registrazione e masterizzazione di un signore che prende il nome di Pier Gonella, guitar hero di Mastercastle e Necrodeath, presso il MusicArt Studio di Rapallo (GE). Se la vostra ragazza stasera vi rompe le palle, fatele ascoltare gli STORY OF JADE. In fondo un ultimo desiderio se lo merita, prima di morire.



Recensione a cura di Emiliano Vallarino



Tracklist:

01. Corridor

02. Loony Bin

03. The Book Of Lies

04. Sick Collector

05. Psychosis In A Box

06. Symphonies From The Grave

07. Lobotomy

08. Merculah

09. Room 501

10. Blood Hangover

11. Horror Me(N)tal Disorder


Line up:

Yndy T.Witch (batteria)

AG (chitarra/tastiere)

Mr. Vrolok Lavey (basso)

Bapho Matt (voce)


Link

www.facebook.com/StoryOfJade4deadguyz?fref=ts

www.storyofjade.net