CONDIVIDI

gio

05

mar

2015

 

Recensione I GIARDINI DI CHERNOBYL – “Cella Zero”

I GIARDINI DI CHERNOBYL

Cella Zero

Etichetta: Zeta Factory

Data Pubblicazione: 4 Marzo 2015

Gli anconetani I GIARDINI DI CHERNOBLY danno alla luce il loro primo album CELLA ZERO per Zeta Factory a un anno circa di distanza dalla loro formazione, ufficializzandosi come band e avvalendosi della collaborazione di nomi importanti del panorama musicale alternativo italiano, registrando con Giulio Ragno Favero (bassista e produttore de Il Teatro degli Orrori) presso il Lignum Studio, lo stesso dove Il Teatro degli Orrori e gli Afterhours hanno prodotto il brano “Dea” per il remake dell‘album “Hai Paura del Buio?”.


Anticipato lo scorso Dicembre 2014 dal primo singolo “Un infinito inverno”, il debutto è accompagnato anche dal video (visibile qui) realizzato da Stefano Bertelli (SEENFILM), regista di clip musicali per Marlene Kuntz e Caparezza tra gli altri. CELLA ZERO è un album che rivela un affiatamento e una maturità importanti, poco inclini a una band in debutto e coinvolge con un suono alternativo accompagnato al cantato in italiano per un risultato originale, innovativo e fresco.


Nelle dieci tracce il nu-metal si accosta al grunge così come le distorsioni si affiancano a suoni pacati per un insieme che fa molto anni novanta ma anche contemporaneità, in modo da generare un muro sonoro semplice ma d’effetto tale da fare appassionare a questa band emergente sin da subito e meritatamente. Assolutamente da ascoltare.



Marghe Simonetti



Tracklist :

Noir

Mentre Lisa dorme

Il desiderio oscuro di Charly

Jekill

Un infinito inverno

Homus

Foto dall’aldilà

Lo spettro

Odio il sole

Iago


Line-up:

Emanuele Caporaletti_voce e chitarra

Stefano Cascella_basso

Simone Raggetti_batteria e elettronica


Web site:

www.igiardinidichernobyl.it

www.facebook.com/I-Giardini-di-Chernobyl