CONDIVIDI

Live Report BLACK TUSK + The Clamps @ Legend Club,Milano - 17 marzo 2015

Report e foto a cura di Luca Casella



Serata dai volumi alti quella del 17 marzo al Legend Club. Il palco del locale milanese ospita una delle più promettenti, e direi già molto affermate, a livello internazionale del Trash Metal o Sludge Metal Made in USA. I Black Tusk nascono nel 2005 dall'idea di amici che vivono nella stessa via in quel di Savannah, Georgia, località ricca di paludi che da il nome al genere con cui la band ama definirsi cioè "Swamp Metal". Il trio arriva in Italia dopo un tour di spalla ai Black Label Society e dopo essersi ripresi da una tragedia che li ha colpiti nel novembre 2014, la perdita in un incidente motociclistico del carismatico bassista Jonathan Athon, sostituito dal bravo Corey Barhorst.

Torniamo alla serata che, purtroppo, conta poche presenze per un gruppo che merita molto. Ad aprire la serata i nostrani THE CLAMPS, trio bergamasco con un ottimo tiro, elargiscono un sound vicino ai Peter Pan Speedrock di cui, penso, siano anche fans. Bravi e veloci, suono potente e ben suonato, basso dal suono tagliente e schitarrate decise fanno da cornice al loro tempo sul palco.




Veloce cambio palco e il power trio sale e attacca gli strumenti, si parte, una voce graffiante, urlata, Trash Metal di qualità rallegra le nostre orecchie, le canzoni si susseguono veloci senza tanti fronzoli, doverosa pausa per incordare il loro compagno e fratello scomparso al quale dedicano una sana bevuta di distillato confederato, forse, fatto in casa. Un oretta di potente suono sempre veloce e mai noioso, volumi e voce al limite, generosi riff e sudore copioso soddisfano la platea. Il meglio della breve produzione discografica viene regalato con un finale dedicato al Punk-Hardcore con la cover di Nervous Breakdown dei Black Flag, grazie!!!


Bella serata non mancheremo al prossimo passaggio. Grazie a Hub ed al Legend per l'ospitalità. See You.