CONDIVIDI

Recensione ASHPIPE  - "Ancorati"

ASHPIPE

Ancorati

Indiebox Music

Relese date: 3 marzo 2015

 

 

Nuovo lavoro, già disponibile, per i pavesi ASHPIPE, da titolo "Ancorati". Un album completo di tredici brani dal Punk al Folk e ritmi in levare. Tracce dove i ragazzi non nascondono, anzi, gridano la loro posizione politica, questa è ben spiegata in "Antifascist Roots" e "Tutta Colpa Dei Comunisti" ( Video sul Web ) per poi passare in rassegna i mali e le ingiustizie della società ma anche speranza come in "Forse Un Giorno".

 

Pezzi in lingua Inglese dove l'accento Italico si sente, vedi "Fish In A Bowl"  ma, comunque, non disturba. Da sottolineare "Nero Sum" cantata in latino e dedicata a Nerone che poi così male non fece. Altra canzone che parla di storia è "Trema Cuba" chiaramente ispirata dai fatti accaduti nell'isola ed alla sua rivoluzione. Il disco è ben suonato, velocità e rabbia con violino e banjo ben inseriti nei ritmi Punk, la loro grinta è palesemente espressa.

 

Nel complesso un buon album, aldilà delle idee espresse che possono essere condivise o meno, questo sta all'ascoltatore decidere. Esce su INDIEBOX anche su CD fisico dai primi di Marzo. 

 

 

Luca Casella

 

 

Tracklist:

1 Padroni e padroni

2 No pizza no future

3 Trema cuba

4 Tuttacolpadeicomunisti

5 Antifascist roots

6 Morto da ammazzare (sul fondo del bar)

7 Nero sum

8 Odio chiama odio

9 Sorridi alla vita

10 Not enemy of good

11 Soul drunk

12 Forse un giorno

13 Fish in a bowl 

 

www.facebook.com/ashpipepunk