CONDIVIDI

Recensione FAITH NO MORE - Sol Invictus

FAITH NO MORE

Sol Invictus

Reclamation Recordings/

Ipecac Recordings

Data Pubblicazione: 19 Maggio 2015




Anticipato nei mesi precedenti da “Motherfucker” e da “Superhero”, SOL INVICTUS è il settimo nuovissimo e tanto atteso album dei FAITH NO MORE, prodotto da Billy Gould e registrato nello studio della band di Oakland, California.



Di non facile presa, SOL INVICTUS consta di 10 tracce per un ascolto tutto sommato veloce e, anche se di grosse novità non se ne avvertono, quello che ci offre è senza ombra di dubbio di valore. Primo lavoro in studio dai tempi di “Album of the Year” del 1997, con la stessa line up e prima volta sotto etichetta Reclamation Recordings, non è un disco perfetto, ma più ci si lascerà prendere e più ci si accorgerà dello spessore invidiabile.


Partendo sempre dal presupposto che non è il meglio del meglio che i FAITH NO MORE hanno messo sul mercato e nulla che si avvicini a "King for a Day … Fool for a Lifetime" e senza ribadirlo più del dovuto, l’apertura è già di estremo livello, affidata alla titletrack che introduce in quello che sarà da qui in poi il tiro del dio Mike Patton. Una ricerca sonora fatta di un groviglio di timbriche che rendono difficile etichettare il genere proposto, ma forse è meglio così. “Superhero” alza il tono e la carica di Patton si fa più istintiva e naturalmente amalgamata agli armonici. Si passa da una leggera “Sunny Side Up” per arrivare a “Separation Anxiety” dal basso dominante, poi la sperimentazione di “Cone of Shame” si palesa all’ascoltatore tanto quanto l’impronta di Patton nella sua profondità, mentre “Rise Of The Fall” regala altri giri sonori portando verso tempi antichi con “Black Friday” cui segue la torbida “Motherfucker”, l’ambiziosa e gritosa “Matador” e la ”From The Dead” di chiusura, per sigillare un ritorno d’alta classe.


Non lo si ritenga un album legato a una reunion, perché non lo è, è solo un ottimo lavoro di una band che vive e splende ancora di luce propria. Un’ultima nota di merito va alla copertina, che riprende un’ immagine di Ossian Brown (Coil and Cyclobe), autore del libro “Haunted Air” del 2010.



Margherita Simonetti


Tracklist :

1. Sol Invictus

2. Superhero

3. Sunny Side Up

4. Separation Anxiety

5. Cone of Shame

6. Rise Of The Fall

7. Black Friday

8. Motherfucker

9. Matador

10. From The Dead



Line-up:

Mike Patton_voce

Jon Hudson_chitarra

Billy Gould_basso

Roddy Bottum_tastiere, voce

Mike Bordin_batteria


Web site:

www.fnm.com

www.facebook.com/faithnomore