CONDIVIDI

Recensione THE V - Now Or Never

THE V

Now Or Never

Frontiers Music srl

Release date: 3 luglio 2015

 

 

 

La musica è da sempre un infinito carillon che sovente ci riserva belle novità, e in questa occasione è la suadente Veronica Freeman a stupirci con un album di inaspettata, vigorosa e sognante melodia rock. Infatti la singer statunitense è conosciuta come la graffiante frontwoman della band heavy metal dei Benedictum, ma col nuovo e presente progetto solista THE V fa un ulteriore passo in avanti confermando, attraverso un ottimo hard rock melodico, le già note qualità avvalorate da una nutrita presenza di super ospiti.

 

Sono davvero tanti i nomi che rendono questo album dal titolo Now Or Never, un tesoro ricco e interessante da scoprire, e tra questi citiamo gli artisti che duettano con Monica in tre delle dodici tracce di marca vintage: la cantante dei Chastain Leather Leone nella tonante “Kiss My Lips”, Meliesa McDonell nella delicata leggerezza di “Starshine”, e il navigato Tony Martin degli inossidabili Black Sabbath nella darkeggiante “King For A Day”. Il tris appena menzionato rappresenta un promettente trampolino di lancio per il prosieguo del disco, tanto è vero che dopo aver ascoltato la title track, “Spellbound”, la classicheggiante “Roller Coaster”, la vivace dinamicità di “Ready To Run” e la pietra miliare “Again” (dal forte richiamo agli Stryper) sarà certificato, con autentica originalità, che il timbro eighties è un immancabile e prezioso sigillo di eterno amarcord.

All'appello non potevano certo mancare altri momenti di toccante genuinità, che arrivano puntuali con l'accoppiata catchy composta da “Line In The Sand” e “Below Zero”, la seconda ballad “Love Should Be To Blame” e le sonorità dei Nelson godibili nella spumeggiante “L.O.V.E.”.

 

Un lavoro che saprà farsi spazio titanico in men che non si dica, ma non solo, dato che è stato curato attentamente anche “dietro le quinte” con ospiti di altrettanto elevato spessore: Sir Michael Sweet che ha prodotto “Love Should Be To Blame” e “Again”, Mr. Kenny Lewis che ha prodotto “King For A Day”, mentre le rimanenti nove tracce sono state prodotte dall'iper quotato John Herrera.

 

Che siano onde heavy metal oppure onde ad andamento melodic hard rock, miss Monica “THE V” Freeman è un mare a forza sempre avvincente.

 

Recensione di Francesco Cacciatore

 

 

Tracklist

1. Again

2. Now Or Never

3. Roller Coaster

4. L.O.V.E.

5. Line In The Sand

6. Love Should Be To Blame

7. Kiss My Lips

8. Spellbound

9. Starshine

10. Below Zero

11. Ready To Run

12. King For A Day

 

Line up

Veronica Freeman - Lead vocals

Pete Wells, Michael Sweet, Peter Tentindo, Jimmy Durkin, 

Mick Tucker, Jordan Ziff & Michael Harris - Guitars

Jeff Pilson, Mel Brown, Garry Bordonaro, Aric Avina,

John O'Boyle & Mike Lepond - Bass

Derek Kerswill - Drums

Leather Leone - Duet vocals on “Kiss My Lips”

Tony Martin - Duet vocals on “King For A Day

Meliesa McDonell - Additional vocals on “Starshine” & acoustic guitars

 

Link

www.veronicafreeman.com 

www.facebook.com/veronicafreemanofficial 

www.benedictum.net