CONDIVIDI

lun

12

ott

2015

Recensione JOEL HOEKSTRA’S 13 - Dying To Live

JOEL HOEKSTRA’S 13

Dying To Live

Frontiers Music srl

Release date: 16 ottobre 2015




Dopo essere stato chiamato da Re David Coverdale alla corte dei suoi Whitesnake ed aver conseguentemente lasciato i Night Ranger, dei quali faceva parte sin dal 2007, Joel Hoekstra non solo è riuscito a mantenere le sue attività quali la partecipazione alla Trans-Siberian Orchestra, al musical di Broadway “Rock of Ages” ma ha anche registrato con il serpente bianco un album di cover delle canzoni dei Deep Purple (“The Purple Album”), ovviamente reinterpretate, è partito per la prima parte del tour americano con la band e -non si capisce come abbia fatto- trovato il tempo per dare alla luce quello che è il suo quarto album solista: “Dying To Live”.



Già solo per essere riuscito a far tutto questo e per aver riunito a sé un gruppo di musicisti di valore assoluto, riuscendo a conciliare i suoi impegni e quelli di tutti i musicisti coinvolti, l'album in questione meriterebbe il massimo dei voti. Ma noi di Rock Rebel Magazine siamo "cattivi" e dobbiamo valutare l'album e le canzoni per quelle che sono senza farci influenzare da queste cose.


I brani contenuti in questo lavoro gravitano tutti intorno all'hard rock melodico e nello specifico proprio a quei generi che lo stesso Hoekstra ha sempre suonato nelle varie band in cui ha prestato la sua opera. I singer che si alternano al microfono sono principalmente due, con la partecipazione di una terza cantante ma solo in qualità di ospite in un brano. Ci troviamo di fronte a due cantanti di qualità sopraffina, carismatici, con due voci calde e corpose e che con il loro modo di cantare danno una forte impronta ai pezzi. Stiamo parlando di Jeff Scott Soto: Yngwie Malmsteen, Axel Rudi Pell, Talisman, Journey e W.E.T. sono alcune delle band più note nelle quali è stato il frontman e Russell Allen già con Symphony X, Adrenaline Mob e nel progetto Allen/Lande.

“Scream” viaggia sulle sonorità che hanno reso famose band come Deep Purple, ma con suoni decisamente più freschi e moderni. Ciò che la rende vicina a quel genere è l'assolo/duello di tastiera e chitarra. “Start Again” cantata da Jeff contiene uno splendido assolo di tastiera eseguitoda Derek Sherinian con quei suo stile ormai abbastanza semplice da riconoscere.

“Say Goodbye To The Sun” è un altro brano con un coro semplicissimo e divertente da cantare a squarciagola. Chiude il disco “What We Believe” dove Jeff duetta con Chloe Lowery una sorta di semi-ballad davvero piacevole anche se ha sotto sotto un qualcosa di già sentito.


“Dying To Live” è un album freschissimo e semplicissimo, con splendide melodie che si faranno cantare fin da subito. I brani sono tutti indiscutibilmente belli e piacevoli. Il lavoro di chitarra è ovviamente curato e raffinato ma pur essendo tutto uscito dalla testa di Joel, il suo strumento non prende il sopravvento, anzi, si mette al servizio delle canzoni e questo crea un risultato vincente.




Recensione di Andrea Lami



Tracklist:

01. Say Goodbye To The Sun

02. Anymore

03. Until I Left You

04. Long For The Day

05. Scream

06. Never Say Never

07. Changes

08. The Only Way To Go

09. Dying To Live

10. Start Again

11. What We Believe


Line up:

Joel Hoekstra (Whitesnake) - guitars, backing vocals

Jeff Scott Soto (Journey/Yngwie Malmsteen) - lead vocals, backing vocals

Russell Allen (Adrenaline Mob/Symphony X) - lead vocals, backing vocals

Vinny Appice (Black Sabbath/Dio) - drums

Tony Franklin (The Firm/Blue Murder) – bass

special guest musicians:

Derek Sherinian (Dream Theater/Black Country Communion) - keyboards

Chloe Lowery (Trans Siberian Orchestra) - vocals

Toby Hitchcock (Pride of Lions) - additional backing vocals

Charlie Zeleny (Joe Lynn Turner) - percussion

Dave Eggar (Amy Lee/Coldplay) - cello


Link:

www.facebook.com/JoelHoekstra13