CONDIVIDI

Recensione DESIGN - Daytime Sleepwalkers

DESIGN

Daytime Sleepwalkers

This Is Core Records/Red Music

Release date: 15 Settembre 2015

 

 

 

Ogni santo giorno nella redazione di Rock Rebel Magazine arrivano all’attenzione del MegaDirettoreCommendator Angel Devil decine e decine di dischi che, il sempreverde nazionalpopolare Ugo ragionier Fantozzi, non avrebbe nessuna esitazione a definire “una cagata pazzesca”. Poi, però, nel mucchio si erge quella chicca che non ti aspetti. È il caso sicuramente dei DESIGN, gruppo italianissimo dell’Anconetano, attivi dal 2008 che con “Daytime Sleepwalkers” rompono gli schemi e ti trasportano su di una dimensione musicale a dir poco geniale.



Parliamo di dodici brani che giocano nell’ambito nella New Wave di ottantiana memoria, rinverdendone i fasti e rendendola più moderna e attuale che mai. La voce di Dani, che a lunghi tratti ricorda quella di Jonathan Davis, deus ex machina dei Korn, suona di sofferenza, passione e sangue, il tutto, condito dalle “distorsioni sonore” e i millemila muri di sinth, fanno si che pezzi come la danzereccia “Florence” o la pazzesca, volendo stare stretti “So Cruel” con un riff che ti si fissa nel cervello della chitarra di Nic a farla da padrone, siano brani che potrebbero girare in radio dalla mattina alla sera.


La musica dei Design non ha niente da invidiare a produzioni di ben altri paesi, prendete ad esempio Fish Food”, avrebbe benissimo essere frutto della mente contorta quanto geniale del signor David “Talking Heads Byrne”, ma mai si sarebbe sognato quell’uso così “invasivo” dettato dal riff delle tastiere che suonano così dannatamente punk. Altro “lavorone” l’onirica “Valium Pillbox”, dove voce e strumentazioni si masturbano nella disperazione sonora di una eclettica ninna nanna da film horror. 


È certo che, se non ci fossero stati gruppi come Depeche Mode, Sister of Mercy o i sempre fin troppo poco apprezzati Joy Division del compianto Ian Curtis, non saremmo qui a celebrare le sorti di una band, i Design di Castelfidardo che, per onor di cronaca, meriterebbero il successo discografico senza se e ma. Quanto ci fate godere, grazie Design.



Recensione a cura di Emiliano Vallarino


Tracklist:

01. Voodoo Doll

02. My Recurring Nightmare

03. Daytime Sleepwalkers

04. Shy Dancer (feat. KMdromMYills)

05. Vampire On The Beach

06. Maybe (feat. Alessandro Apolloni)

07. Florence

08. So Cruel (feat. Nrec)

09. Guilty Pleasure

10. Love = Fiction

11. Fish Food

12. Valium Pillbox


Line up:

Dani (voce)

Nic (chitarra, sinth)

Sara (basso)

Bob (batteria)


Link:

www.facebook.com/designofficial