CONDIVIDI

mer

09

dic

2015

 

Recensione MOM BLASTER – Reset

MOM BLASTER

Reset

Ridens Records

Release date: 10 Dicembre 2015




Combo abruzzese in attività dal 2010, i Mom Blaster, escono con il loro secondo lavoro, “Reset”, e cambiano quasi completamente il loro approccio musicale. Perché se il primo album del 2013 “We Can Do It!” aveva forti radici reggae e dub, adesso il tutto è condito da contaminazioni elettroniche e pop/rock che rendono il loro lavoro appetibile ai più. Altra nota positiva che segue questi cambiamenti è la decisione di utilizzare la lingua madre (il precedente album era tutto in inglese), ed è probabilmente la mossa più azzeccata, visto che i loro testi prendono spunto dal sociale e portano l’ascoltatore a riflettere su varie problematiche che i nostri sciorinano senza crearsi minimamente il problema di essere fraintesi politicamente.


La voce di Monica, molto personale, potente e incisiva è la chiave di lettura perfetta per il loro “rock in levare”, come amano chiamarlo. Una prima idea ce l’eravamo fatta con il singolo “Ciò che è giusto”, uscito in primavera, manifesto di matrice politica, contro le prepotenze e i soprusi che ogni giorno si attuano sotto i nostri occhi. Ma tutto l’album rappresenta una piacevole sorpresa a partite da “Carillon” e “Confuso”, soprattutto quest’ultima dove la voce di Monica la fa da padrone per spregiudicatezza. Le potenzialità radiofoniche di “Strani Giorni” e “Mi Troverai Qui”, le velleità da hit chiaramente esportabile di “Alchimia”, capace di un sound veramente coinvolgente.


Disoccupazione, integrazione, razzismo, tecnologia, sono tra le argomentazioni che vanno a toccare i Mom Blaster nei dieci brani che compongono questo “Reset”, album che sicuramente troverà il consenso tra gli adepti del genere qui in Italia, ma ancor di più in giro per l’Europa, dove la contaminazione musicale ha sempre attecchito in maniera piuttosto consistente. Da parte nostra non possiamo far altro che complimentarci con i Mom Blaster e augurargli di raggiungere tutti gli obiettivi che si sono prefissi.



Recensione a cura di Emiliano Vallarino



Tracklist:

01. Alchimia

02. Strani Giorni

03. Mi Troverai Qui

04. Mi Guardi E Taci

05. Lei

06. Sono Niente

07. La Nuova Era

08. Ciò Che E’ Giusto

09. Confuso

10. Carillon


Line up:

Davide Di Virgilio (batteria, pad)

Marco Cotellessa (chitarra, sinth, piano)

Fausto Bomba (basso)

Monica Ferrante (voce)

Link:

www.facebook.com/momblaster