CONDIVIDI

Recensione MR.RIOT - “Same Old Town” 

MR. RIOT

Same Old Town

Sleazy Records

Data di pubblicazione: 2 febbraio 2016

 

 

 

Abbiamo avuto il piacere di scoprire i MR. RIOT nel corso di due festival estivi (Rock In Somma e GamaMetal) e siamo rimasti particolarmente colpiti dalla loro esibizione tanto da avvicinarci al musicisti per saperne di più. Eravamo quindi a conoscenza del fatto che la band era al lavoro per la produzione del loro disco d’esordio e finalmente eccolo arrivare.

 

 

Dopo un primo ascolto siamo piacevolmente colpiti dalla freschezza di questo album dal titolo "Same Old Town", anche se solamente una canzone ci rimane in testa, stiamo parlando di "America" con relativo videoclip, un brano immediato e facilmente assimilabile, caratteristiche queste che l’avranno promosso a singolo trainante. Dopo un breve intro “Wake up!” inizia realmente la musica con “Scream and Shout” il cui riff sembra rubato a C.C. Deville dei Poison per trasformarsi in qualcosa di più tirato e più punk. “Rock’n’Roll” inizia con un intro di tastiera/hammond che ricorda la più famosa “Mr. Crowler” sviluppandosi poi su altri e diversi lidi musicali. Su “Mr. Riot” il cantante Stevie Lee si avvicina molto a biondo crinito Snider Dee come carica e tonalità, il riff di chitarra ricorda brani/band a cavallo tra l’hard rock e l’AOR come i Dare e ci traghetta alla prima ballad: “Illusion” una canzone introdotta dal piano e decisamente sofferta. Il giro di basso presente e la ritmica prepotente di “Wild Raw”, l'andamento di “Sexy Photograph” ci ricordano un po' i Motley Crue (nel secondo caso “Slice Of Your Pie”)  ed è impossibile non seguire il tempo tenuto dalla sezione ritmica. L’omonima “Same Old Town” posta in chiusura è dotata di un’ottima carica e fa si che l’ascoltatore venga ancora una volta rapito tanto che appena finito l’ascolto viene voglia di ricominciare da capo. Quasi quarantaquattro minuti di rock’n’roll in pieno stile eighties rinchiusi in un album non solo per i nostalgici di quelle sonorità.

 

L’unica critica che ci sentiamo di fare è che “il bello” che ci aveva colpito in sede live, erano quei tappeti di tastiera presenti in “America” e “Close your eyes” che rendevano la proposta dei Mr. Riot più personale e difficilmente accostabile ad altre band. È giusto che ogni musicista si possa esprimere come crede, ma il nostro parere sarebbe quello di dar loro più spazio. In ogni caso ottimo esordio!! Ci rivediamo sui palchi in giro!

 

 

Recensione di Andrea Lami

 

 

Tracklist:

01 - Wake up!

02 - Scream and shout

03 - Rock'n'roll

04 - Mr.Riot

05 - Illusion

06 - America

07 - Sexy photograph

08 - Close your eyes

09 - Wild raw

10 - Spread our love

11 - Same old town

 

Line-up

Stevie Lee - Voice, Keytar

Mr.LadiesMan - Guitars

Angeless - Guitar

Tommy Beefy - Bass Guitar

Denny Riot - Drums, Backing Vocals

 

Website:

Official facebook: facebook.com/MrRiotBand