CONDIVIDI

Recensione DOWN TO GROUND - "The World We Live In"

DOWN TO GROUND

The World We Live In

Vrec176

Release date: 19 Marzo 2016

 

 

Il quartetto multietnico trevigiano già nel 2012 si era messo ampiamente in luce sul palcoscenico italiano con il loro primo LP, "Early In The Morning". Dopo una heavy rotation dell'omonimo singolo e di “One Last Time”, si sono guadagnati una notorietà nell' ambito della compagine Pop-Rock italiana che gli ha anche permesso di andare oltralpe. Con "The World We Live In" i 4 giovanotti affrontano tematiche del quotidiano, spaccati di vita comune e tematiche profonde sulle quali è sempre più necessario soffermarsi a pensare, con la loro buona musica nelle orecchie.

 

 

            Rispetto alla originale lineup c'è stato un avvicendamento alla chitarra ove, l'introduzione di Charlie Narduzzo ha portato una ventata di originalità targata USA che bene si sposa con il perfetto inglese del vocalist Michele Cesca che, a dispetto dell'italianissimo nome, ha origini Samoane Neo Zelandesi. Questi aspetti si sentono immediatamente nel brano di apertura dell'LP “Belong”, nuovo singolo in programmazione nei maggiori network radiofonici italiani. Tutto poggia sulla potente voce di Michele Cesca e su di un morbido treno ritmico di Alessandro Morgan alle pelli e dell' altro “straniero” ma italianissimo Truong Van Thai al basso che amalgamano una bella chitarra alla Edge dei bei tempi che furono. In “Today” assaporiamo i primi tepori della primavera con suoni dal lungo delay ed una batteria sbarazzina mentre la Title Track riporta alle sonorità di Sunday Bloody Sunday e dell'album War degli U2 seppur in chiave molto più Easy ed accomunabile solo per la “pasta sonora”. Il trend continua nella convincente “Anymore” che ricorda molto lo stile della band d'oltreoceano, Mike and the Mechanics, un crescendo emozionale sino all'esplosione del refrein dove la parte vocale in appoggio alla parte di sei corde appaga tutte le singole “papille uditive”. Non poteva mancare la Ballad per ripercorrere i ricordi di un'infanzia che con “ The Most” riaffioreranno come un fiume in piena ma non di soli ricordi si vive, serve la giovialità incitata anche da “Take My Place”, allegro brano spensierato. Altro brano morbido e suggestivo è la Mid Tempo “In My Memory”, delicata ed energica allo stesso tempo, con un groove trascinante che porta a “Sunrise” ottimo brano dalla vena Pop e dal tiro deciso. “Survive” evoca alla memoria “Crazy” di Seal per le sonorità e la “trama vocale” seppur il brano abbia una propria identità e solo qualche lontano ricordo melodico della Hit. Una buona carica ritmica la offre “You Don't Know” un brano un pò in stile Counting Crows mentre con “Fade Away” il ritmo è più lento e marcato ed apre ad una coralità di gruppo già proposta in altri brani in precedenza per ottimizzare la melodia. Altra Hit tipicamente estiva è sicuramente “On My Knees”, colonna sonora dei primi amori adolescenziali che nascono, finiscono, riprendono e si rompono. La chiusura dell' LP è affidata ad una versione DUB ottenuta con la collaborazione di Sun-j degli Asian Dub Foundation che ha rimaneggiato “Belong” miscelandola a pattern digitali.

 

            Un altro centro è stato fatto dai 4 assi trevigiani che hanno confermato le loro spiccate capacità compositive che con il nuovo album sottolineano e rimarcano anche l'attenzione e la ricerca degli accostamenti sonori migliori per ottenere il miglior risultato possibile. Plauso va di sicuro a Michele Cesca che trascina vocalmente gli altri componenti della band che non sono assolutamente secondi ma bensì tre ottimi coprotagonisti della scena sonora. Due evidenze vanno poste alla scelta dei suoni ed alla tramatura ritmica di Charlie Narduzzo che utilizza una varietà sonora molto ampia e che ben caratterizza la scena melodica che in quel dato brano viene rappresentata; secondo “complimento” va mosso al comparto ritmico che seppur seguendo linee ritmiche semplici e “friendly” sanno porre accenti “maliziosi” alle linee. Un ottimo lavoro riconferma delle grandi potenzialità della band.

 

 

Review By Luca MonsterLord

 

 

Tracklist

Belong

Today

The World We Live In

Anymore

The Most

Take My Place

In My Memory

Sunrise

Survive

You Don't Know

Fade Away

On My Knees

Belong (RMX Sun-J Asian Dub Foundation)

 

Lineup

Michele Cesca : Voice and Rhytm Guitar

Truong Van Thai: Bass

Alessandro Morgan: Drums

Charlie Narduzzo: Lead Guitar

 

Contatcs

Official WebSite

Official Facebook Page

 

Media

Down to Ground - Belong Official Video