CONDIVIDI

Recensione DRIVE, SHE SAID - "Pedal to the Metal"

DRIVE, SHE SAID

Pedal to the Metal

Frontiers Music Srl

Realease date: 15 Aprile 2015

 

 

13 Anni. Questo è il lasso di tempo che i fans dei Drive, She Said hanno dovuto aspettare per vedere il seguito di "Real Life". Il duo Al Fritsch, Mark Mangold ritorna così prepotentemente sul mercato sfornando un lavoro dalle due facce. Se da un lato le tracce più rockeggiati ci mostrano il meglio del duo, con anthem melodici, trascinanti e stracolmi di energia, dall'altro alcune tracce sfociano un po troppo nel pop e alcune scelte “moderniste” faranno storcere il naso ai puristi del genere.

 

 

Ma andiamo ad analizzare più nel dettaglio. Le prime 3 tracce di “Pedal To The Metal” sono 3 capolavori. Le trame melodiche intessute dalle tastiere di Mark Mangold trovano un perfetto connubio con i ritmi sostenuti e le perfette linee vocali di Al Fritsch, La ballad “Said It All” con la sua dolcezza spezza un attimo il ritmo del cd, ma “Writing On The Wall” ci riporta su ritmi sostenuti, dove il rock melodico in pieno stile eighties ci porta ad osservare orizzonti di pura magnificenza (grazie anche all'incredibile assolo di tastiere del mai troppo osannato Mangold). Non convince appieno invece “Rainbows And Hurricanes” dove echi dei Bon Jovi attuali inficiano il risultato finale. Ancora un trittico di ottime songs con “Love Will Win In The End” in classico stile Drive, She Said, la ritmata ed epica “Rain Of Fire” e la ballad “In Your Arms” (che vede Al duettare con Fiona), vero e proprio gioello. Assolutamente trascurabili “IM The Night” e “Lost In You” che hanno la pecca di essere troppo pop-oriented e moderniste. Non che siano brutte canzoni, ma il ritmo tipo “disco commerciale” esula troppo dal loro classico sound. L'acustica “All I Wanna Do” chiude Pedal To The Metal ed anche questa farà discutere visto che nel suo incidere assomiglia un po' troppo ad una famosa canzone di una boyband.

 

In definitiva, tralasciando la parte finale, si può parlare di un ottimo come back e sicuramente le canzoni contenute in questo lavoro ci impressioneranno quando li vedremo dal vivo al Frontiers Rock Festival III che si terrà presso il Live Club di Trezzo (MI), il 23 Aprile! 

 

 

Fabrizio Tasso

 

 

Track List

01 Touch

02 Pedal To The Metal

03 In R Blood

04 Said It All

05 Writing On The Wall

06 Rainbows And Hurricanes

07 Love Will Win In The End

08 Rain Of Fire

09 In Your Arms

10 I'M The Nyte

11 Lost In You

12 All I Wanna Do

 

Line Up:

Al Fritsch– Lead Vocals/Guitars/Keyboards/Bass

Mark Mangold – Keyboards

 

Special Guest:

Tommy Denander-Daniel Palmqvist-Ken Sandin

Paul St. James-Alessandro Del Vecchio-Pontus Engborg-

Peter Yttergren-Francesco Jovino-Kenny Aronoff-

Goran Edman-Ted Poley-Randy Jackson-Thomas Vikstroem

Fiona (duet on “In Your Arms) and many more