CONDIVIDI

mer

02

nov

2016

Recensione GRAHAM BONNET BAND - "The Book"

GRAHAM BONNET BAND

The Book

Frontiers Music s.r.l.

Release: 4 November 2016

 

 

 

Nel corso della sua pluridecennale carriera, Graham Bonnet è spesso stato l’uomo giusto nel momento sbagliato. Solo per citare alcune delle sue “frequentazioni” più blasonate, il nostro è entrato ed uscito velocemente dai Rainbow nel post Ronnie James Dio, dandosi giusto il tempo di siglare due classici del repertorio della corte di messere Ritchie Blackmore (All Night Long e Since You’ve Been Gone). Poi si è accasato presso il Michael Schenker Group, partecipando alle incisioni di quell’ Assault Attack di cui fa parte Desert Song, uno dei vertici della produzione del combo del chitarrista tedesco. Infine, ha incrociato negli Alcatrazz le sue corde vocali con quelle delle chitarre di un paio di signori all’epoca in rampa di lancio – per lo meno nell’ambito della scena Hard Rock mondiale - quali Yngwie Malmsteen e Steve Vai.

 

 

Nonostante queste ed altre collaborazioni di peso, e della enorme classe vocale di cui è indiscutibile possessore, Bonnet non è però mai realmente entrato nel Gotha del rock. Controcorrente anche rispetto alle tendenze estetiche erette a paradigma dalle masse metallare degli Eightes, che accettavano femminei individui cotonati ed imbellettati ma non transigevano sul suo capello corto, lui è rimasto fieramente a privilegiare i fatti (la musica) alle parole (il mascara), diventando un nome di culto tra chi apprezza il bel canto Rock.

 

Oggi, a quasi 50 anni dalla sua prima incursione nei top 5 UK, Bonnet dà alle stampe l’ennesimo capitolo della sua carriera solista, inaugurata nel 1977. In questo doppio album a nome Graham Bonnet Band, non a caso intitolato “The Book”, il nostro si cimenta in 11 nuove songs originali e nella rilettura di ben 16 classici della sua lunga carriera.

 

I brani originali, contenuti nel primo CD, sono nel solco di un suono solido e melodico, arricchito dalla voce stentorea del nostro, che resta il valore aggiunto dell’opera, e che ricorda in più di un’occasione il Bruce Dickinson maideniano, ed in un episodio (Everybody Wants To Go There) le litanie che hanno fatto le fortune di Ozzy Osbourne. La scaletta scorre piacevole, e brani sono sempre sopra la sufficienza, anche se purtroppo mancano episodi veramente memorabili. Tra gli altri spiccano comunque due robuste cavalcate inframmezzate da break più lenti ("Into the Night", "Where Were You"), e un apocrifo della vergine di ferro ("Dead Man Walking"). Le canzoni sono sempre corroborate da funambolici ma misurati assoli chitarristici DeLuxe intessuti dalla South American guitar sensation Conrado Pesinato.

 

Le riletture presenti nel secondo CD sono, prevedibilmente, abbastanza calligrafiche, e sebbene abbiano “vestiti” ovviamente più moderni, i brani, soprattutto i più noti, soffrono il paragone con gli originali storici.

 

In definitiva "The Book" è un album che pur essendo parzialmente autocelebrativo vuole comunque dare una possibilità futura alla carriera di questo vecchio leone dell’arena del rock mondiale.

Con una metafora calcistica potremo dire che Bonnet con questo lavoro consolida il suo ruolo, meritatamente solido, tra i “panchinari di lusso”, e cioè tra quei giocatori che pur non essendo dei campioni riconosciuti, sono sempre in grado di risolverti il match con una giocata di alto livello.

 

 

Fabrizio Conte

 

 

Tracklist CD 1 (canzoni inedite)

 

01. Into The Night

02. Welcome To My Home

03. Earth’s Child (I Am Your Son)

04. Rider

05. Dead Man Walking

06. Strangest Day

07. The Dance

08. Where Were You?

09. The Book

10. Everybody Wants To Go There

11. California Air

 

CD 2 (classici ri-registrati)

 

01. Eyes Of The World

02. All Night Long

03. Lost In Hollywood

04. Since You Been Gone

05. Night Games

06. S.O.S.

07. Assault Attack

08. Dancer

09. Desert Song

10. Island In The Sun

11. Hiroshima Mon Amour

12. God Blessed Video

13. Will You Be Home Tonight

14. Witchwood

15. Stand In Line

16. Here Comes The Night (Down Without A Fight)

 

Line-up:

Graham Bonnet: lead vocals

Beth-Ami Heavenstone: bass

Conrado Pesinato: lead guitar

Jimmy Waldo: keyboards

Mark Zonder: drums.

 

Contatti:

www.grahambonnetband.com

www.facebook.com/grahambonnetmusic

twitter.com/TheGrahamBonnet