CONDIVIDI

Recensione JACK RUSSEL'S GREAT WHITE - "He Saw It Comin'"

JACK RUSSEL'S GREAT WHITE

He Saw It Comin'

Frontiers Records

Release Date: 27 gennaio 2017    

 

 

 

Terzo album solista per Jack Russel (primo con il moniker Jack Russel's Great White). A distanza di 15 anni dall'ottimo “For You” e dopo aver lasciato la nave madre, il cantante di Montebello (California) si rilancia sul mercato con questo “He Saw It Comin'” e il suo progetto JACK RUSSEL'S GREAT WHITE.

 

 

Rispetto al precedente lavoro, dove il buon Jack si era circondato di personaggi del calibro di Bob Kulick, Tony Levin e Vinnie Colaiuta, in quest'ultimo il musicista di spicco è lo storico bassista dei Great White, Tony Montana (qui alla chitarra e tastiere). Certamente il punto a favore di “He Saw It Comin'” è il fatto di non essere una pallida imitazione del sound dei Great White. Jack fortunatamente ha puntato su un album eterogeneo, dove le diverse influenze si miscelano in maniera perfetta puntando e mettendo in risalto la sua splendida voce.

 

Già dall'opener “Sign Of The Times” si viene investiti da una rock song alla The Cult, immediata e orecchiabile con un bellissimo guitar working. Non da meno le seguenti “Crazy”, con un sound decisamente riconducibile agli Aerosmith, “Love Don't Live Here”, dove ritmi più rilassati fanno da contorno ad una song hard/blues tipicamente anni '80 e “My Addiction”, dotata di una carica molto sixties. Non impressiona molto la ballad acustica “Anything For You”, carina ma non eccezionale, mentre la Queen oriented title track merita la palma del miglior pezzo. I pezzi che forse si avvicinano di più al vecchio materiale sono “She Moves Me” (meno blues ma più funky) e “Blame It On The Night” (grazie al compatto riff di chitarra). Chiude “Godspeed” pezzo semplice e divertente dalle influenze Lennon/Mc Cartney. 

 

Comunque lo si guardi questo “He Saw It Comin'” è sicuramente un album ben riuscito, la grande varietà di stili e sonorità fanno in modo che, anche dopo ripetuti ascolti, non annoi mai. Se amate la voce di Jack Russel non esitate a farlo vostro, in ogni caso tanto di cappello al singer californiano che ha tirato fuori dal cilindro un gran bel lavoro.

 

 

Fabrizio Tasso

 

 

Tracklist

1. Sign Of The Times

2. She Moves Me

3. Crazy

4. Love Don't Live Here

5. My Addiction

6. Anything For You

7. He Saw It Comin'

8. Don't Let Me Go

9. Spy Vs Spy

10. Blame It On The Night

11. Godspeed

 

Line Up

Jack Russel - Lead Vocals

Tony Montana – Guitar/Keyboards

Robby Lochner – Guitar

Dan McNay – Bass

Dicki Fliszar - Drums

 

Link:

www.jackrussellsgreatwhite.com

www.facebook.com/JackRussellsGreatWhite

www.frontiers.it