CONDIVIDI

mar

31

gen

2017

Recensione SOEN - "Lykaia"

SOEN 

Lykaia

UDR Music/Warner

Release date: 1 Febbraio 2017

 

 

 

SOEN giungono con “Lykaia” al terzo album in 5 anni di attività, dopo aver pubblicato nel 2012 “Cognitive” e nel 2014 il più personale “Tellurian”.

 

Guidati da Martin Lopez, già dietro le pelli per Amon Amarth e Opeth, e dal cantante Joel Ekelöf (Willowtree), i nostri danno il titolo a questa nuova release prendendo a riferimento il Lykaia, arcaico festival della Grecia antica in cui si celebrava il rito di passaggio dei giovani adolescenti all’età adulta, e che secondo il mito vedeva la trasformazione dei giovani epheboi in licantropi.

 

Ed è una trasformazione rispetto al passato anche quella che subisce la musica del quintetto che, pur sempre caratterizzata da strutture tipicamente progressive, ne coltiva ora uno svolgimento strettamente moderno, più diretto che in passato, evitando inutili orpelli o ridondanze auto celebrative. Attraverso suoni attualizzati ed accuratamente selezionati la proposta dei SOEN diventa in un certo senso più “adulta” e personale, anche se l’ascoltatore più smaliziato coglierà diversi punti di contatto tra la proposta dei SOEN e quanto ci hanno fatto già ascoltare altri campioni del genere, quali Tool e derivati (dice niente A Perfect Circle?), e gli stessi Opeth.

 

Ma se siamo capaci di rinunciare alla pretesa di originalità (del resto quanti artisti riescono a soddisfarla, di questi tempi?) questo è un album di ottimo livello, che cresce con gli ascolti, e nel quale ognuno potrà trovare un brano adatto allo stato d’animo del momento, rimanendo avviluppato di volta in volta nelle morbide spire delle ballads ("Lucidity", "Jinn", "Paragon"), soccombendo agli assalti dell’intricata-ma-non-troppo Sectarian e della più aggressiva Sister, perdendosi nei cambi di atmosfera della ora melanconica ora più potente God’s Acre.

 

In definitiva questo “Lykaia”  è un lavoro molto buono, raccomandato ai cultori del genere, che ci saprà accompagnare nelle giornate brevi di questa ultima parte di inverno, in attesa della rinascita della natura che inevitabilmente verrà.

 

 

Fabrizio Conte

 

 

Tracklist:

01. Sectarian

02. Orison

03. Lucidity

04. Opal

05. Jinn

06. Sister

07. Stray

08. Paragon

 

Line up:

Joel Ekelöf -  voce

Martin Lopez -  batteria e percussioni

Stefan Stenberg - basso

Lars Åhlund -  organo e rhodes

Marcus Jidell – chitarre

 

Contatti:

soenmusic.com

www.facebook.com/SoenMusic

twitter.com/soenmusic

www.instagram.com/soenofficial