CONDIVIDI

Recensione PLACE VENDOME - "Close to the Sun"

PLACE VENDOME

Close to the Sun 

Frontiers Music srl

Release date: 24 febbraio 2017

 

 

 

A 4 anni di distanza dal precedente “Thunder In The Distance” ritorna il progetto Place Vendome capitanato dall'immenso Michael Kiske e dallo storico Dennis Ward. Rispetto all'ultimo album rimangono inalterati i musicisti coinvolti, ma in più troviamo uno stuolo di nomi altisonanti che hanno prestato la loro bravura elevando con la loro classe brani che già di per se sono di spessore. Basta citare, tra i tanti,  Kai Hansen, Gus G, Magnus Karlsson e gli italianissimi Simone Mularoni e Alessandro Del Vecchio e la sensazione è quella di trovarsi davanti ad una all star band.

 

Fortunatamente il songwriting rimane di alta caratura e la presenza di questi grandi musicisti non è il classico specchietto per le allodole. Proprio quest'ultimo è affidato principalmente ad artisti italiani che hanno prestato il loro talento nella composizione di “Close To The Sun”. Già dalla title track si può ammirare la classe di Simone Mularoni nello scrivere una canzone dall'ottimo incedere, con un ritornello azzeccato e un perfetto bilanciamento tra le partiture di chitarra e tastiere. Classe che si ripete in “Hereafter” (cover dei DGM presente nell'album “Frame” del 2009) e in “Across The Times” (più leggera e melodica) con un bellissimo assolo di Kai Hansen. Non da meno Alessandro Del Vecchio che, con “Strong” mette a disposizione di Kiske una ballad solenne, sorretta da una linea melodica meravigliosa, dove la voce del cantante tedesco raggiunge vette entusiasmanti. “Yesterday Is Gone” rimane sullo stesso livello, grazie ad un refrain arioso inserito in un pezzo dalla struttura semplice ma di impatto. Carina “Welcome To The Edge” (scritta da Jari Liimatainen) con accenni Sonata Arctica; standard invece “Light Before The Dark” (Michael Palace) con il suo power/aor, mentre “Falling Star” (Magnus Karlsson) contiene una ispirata prestazione di Kiske in una song che dà il suo meglio nel prezioso ritornello. L'accoppiata Thorsen/Lione ci regala “Riding The Ghost” (giocata su parti più ritmate, con un Kiske ancora una volta assoluto protagonista) e la delicatissima “Helen” (sognante e poetica). Infine Aldo LoNobile mette a disposizione la power ballad “Breathing” (malinconica ed epica)  e la conclusiva “Distant Skies”, che sembra estratta dal miglior repertorio dei suoi Secret Sphere (grazie a parti prettamente hard rock e linee melodiche di prim'ordine).

 

In definitiva “Close To The Sun” risulta essere il lavoro migliore del progetto Place Vendome. Pur non distaccandosi di molto dalle precedenti produzioni, evidenzia una brillantezza di fondo che va oltre la perizia strumentale dei musicisti e la portentosa ugola di Michael Kiske. Sperando un giorno di poterli vedere dal vivo schiacciamo play ancora una volta.    

 

 

Fabrizio Tasso

  

Track List

01 Close To The Sun

02 Welcome To The Edge

03 Hereafter

04 Strong

05 Across The Times

06 Riding The Ghost

07 Light Before The Dark

08 Falling Star

09 Breathing

10 Yesterday Is Gone

11 Helen

12 Distant Skies

 

 

Line up:

Michael Kiske – Vocals

Dennis Ward – Bass/Guitars

Gunther Werno– Keyboards

Dirk Bruinenberg – Drums

 

Special guests

Alessandro Del Vecchio (Backing vocals on track 4)

Michael Klein (Guitar solo on tracks 9-10-12)

Uwe Reitenauer (Guitar tracks 1-2-3-5, Guitar solo track 1)

Alfred Koffler (Guitar solo track 2)

Magnus Karlsson (Guitar solo track 8)

Gus G (Guitar solo track 7)

Simone Mularoni (Guitar solo track 3)

Mandy Mayer (Guitar solo track 11)

Kai Hansen (Guitar solo tracks 5-6)

 

Link

www.facebook.com/Place-Vendome

www.frontiers.it