Homeinterviste-recensionirecensioniW.E.T. - Recensione "Retransmission"

Articoli Correlati

W.E.T. – Recensione “Retransmission”

con questo album tirano fuori dal cilindro il quarto capolavoro della loro incredibile discografia

W.E.T.

Retransmission

Frontiers Music srl

Release date: 22 Gennaio 2021

Questo inizio del 2021 ci sta regalando delle grandi perle. Ecco un altro super gruppo che ci delizierà per i prossimi 12 mesi. Gli W.E.T. ritornano in grande stile facendo loro quello che sono più bravi a fare, ossia un album capolavoro dove ogni linea melodica, ogni inflessione, ogni nota e ogni refrain sono perfettamente concatenati tra loro.

L’esperienza accumulata nei progetti di Jeff, Erik e Robert, unita alla grande coesione che si è venuta a creare all’interno della band, ha permesso ancora una volta agli W.E.T. di forgiare un album brillante, in grado di riflettere pienamente le grandi capacità artistiche del trio.

Elemento poi da non trascurare è la presenza stabile di Magnus, Andreas e Robban che sono tutt’altro che comprimari ma parti integranti della band. Se c’è un punto fermo nella band è quello di aver sviluppato sin dagli esordi un proprio sound (sempre perfettamente riconoscibile) e di aver sempre prodotto canzoni eccezionali aventi il magico potere di sedurre l’ascoltatore rimanendo sempre fresche e godibili anche dopo molteplici ascolti. “Retransmission” non è da meno e nelle 11 tracce che lo compongono troverete quello che avete sempre cercato in un cd di hard rock melodico.

Già dall’opener “Big Boys Don’t Cry” si viene investiti da un’ondata di potenza e melodia. L’alternanza tra le voci di Jeff e Erik, unite alle avvolgenti linee vocali e ad un super refrain mettono i puntini sulle i. Il groove mozzafiato di “The Moment Of Truth” è poi inarrestabile. Due tracce complete, straripanti di gusto e con la perfetta dose di adrenalina. Da non trascurare poi gli assolo, sempre di primissima scelta e ispirazione. Niente è lasciato al caso.

Si prosegue con la Talisman oriented “The Call Of The Wild” dotata di un bel riff tagliente e un basso pulsante a dettare il ritmo. Ancora una volta il bridge e il ritornello risultano essere il fiore all’occhiello di un Pezzo strepitoso. Non da meno “Got To Be About Love” prototipo di canzone Aor a tutto tondo. Trascinante e dolce riesce a raggiungere picchi di pura magnificenza. Il refrain poi (ci ha ricordato i Signal di Mark Free) e il solo ne fanno tra i pezzi più belli scritti dalla band.

Il ritmo indiavolato di “Beautiful Game” la rende perfetta per essere riprodotta in sede live (grazie anche al solismo delle due asce in una serie di incroci mirabolanti) e il class metal di “How Far To Babylon”, dove la connotazione epica si fonde in maniera divina diventando il tema portante della canzone. Si arriva a metà album e la sensazione di trovarsi davanti all’ennesimo capolavoro è sempre più presente. “Coming Home” è l’ennesimo grande pezzo dove vengono coniugati Survivor e Boston nel sound tipicamente W.E.T., meravigliosa.

Il ballatone strappalacrime “What Are You Waiting For” mette ancora in mostra le capacità della band nello scrivere canzoni mai scontate ma sempre dotate del necessario appeal per essere apprezzate fino in fondo, il finale in pure stile Journey farà impazzire il pubblico quando verrà riproposta dal vivo. La ritmata “You Better Believe It” ci costringe a tenere il tempo lasciandoci ancora a bocca spalancata, l’hard rock di “How Do I Know” ci conquista con le incantevoli linee melodiche e le sue esplosioni di furore e quando “One Final Kiss” (perfetta in chiusura con tastiere e chitarre a dettare legge) mette la parola fine a “Retransmission” ci si accorge che il cuore sta battendo a mille.

Gli W.E.T. con questo album tirano fuori dal cilindro il quarto capolavoro della loro incredibile discografia. Anzi “Retransmission” è senza ombra di dubbio il loro miglior lavoro.

Tutto quello che troverete, dal songwriting, alla produzione, all’ispirazione è espresso in maniera ultraterrena. Non che ci siamo dubbi, questo album è il maggior candidato per il miglior album 2021. Rischiacciamo play ancora una volta!

Track List

01 Big Boys Don’t Cry

02 The Moment Of Truth

03 The Call Of The Wild

04 Got To Be About Love

05 Beautiful Game

06 How Far To Babylon

07 Coming Home

08 What Are You Waiting For

09 You Better Believe It

10 How Do I Know

11 One Final Kiss

Line Up:

Jeff Scott Soto – vocals

Robban Back – drums

Erik Martensson – guitar – keys – backing vocals

Robert Sall – keys – guitar

Magnus Henriksson – guitar

Andreas Passmark – bass

Link Utili:

facebook.com/wetofficialpage

Ultimi Articoli

Articoli Correlati